Esercitazione a Viareggio per allievi aerosoccorritori

Esercitazione aeronavale questa mattina (29 aprile) davanti a piazza Mazzini a Viareggio, che ha visto la collaborazione fra la Capitaneria di Porto di Viareggio e la prima Sezione volo elicotteri della Guardia costiera di Sarzana-Luni.

L’esercitazione è stata organizzata per quattro allievi aerosoccorritori della Guardia costiera che stanno frequentando in questo periodo uno specifico corso di formazione. L’aero-soccorritore marittimo è una figura professionale addestrata ad effettuare il recupero di persone in difficoltà o ferite in diversi contesti (mare, montagna o siti complessi da raggiungere), utilizzando normalmente come mezzo di trasporto l’elicottero. I compiti principali dell’aero-soccorritore sono, appunto, il primo soccorso (Blsd) per stabilizzare traumatizzati, l’assistenza ed il recupero di naufraghi, la ricerca ed il soccorso di dispersi in mare ed a terra, sia in favore della popolazione civile che di personale militare.
Gli operatori, una volta imbarcati a bordo della motovedetta Cp813 di Viareggio con un coordinatore dell’attività, un istruttore ed un medico del Corpo militare della Croce Rossa, sono stati condotti nelle acque davanti piazza Mazzini per tuffarsi in acqua ed addestrarsi al nuoto per finalità di soccorso. Al termine dell’attività di nuoto, gli aerosoccorritori sono stati quindi recuperati, a turno, a bordo dell’elicottero Nemo-4 tramite verricello.
In una seconda fase dell’esercitazione, gli allievi si sono tuffati nuovamente in mare per simulare operazioni di ricerca e recupero naufrago. Queste esercitazioni, oltre che a formare nuovo personale specializzato, sono utili per testare il flusso di comunicazioni tra le sale operative ed i mezzi di soccorso navali ed aerei della Guardia costiera in caso d’emergenza, nonché per mantenere elevato lo standard di professionalità ed addestramento dei vari operatori in quella che è una delle principali funzioni istituzionali della Guardia ostiera, ovvero l’attività di ricerca e soccorso in mare e la capacità di risposta nelle emergenze marittime in generale.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.