Bimbo caduto dalle Mura, sopralluogo della difesa foto

Per due ore sono stati rimossi i sigilli. Tolti con l’ok del tribunale di Lucca per consentire ai legali e ai periti della difesa dei tre indagati di ‘cristallizzare’  le prove, ricostruendo – sulla scorta delle testimonianze e delle dichiarazioni raccolte dagli inquirenti – l’incidente avvenuto lo scorso 21 agosto al baluardo San Regolo, dove un bambino di 5 anni cadendo dalla cannoniera est mentre era in sella ad una bicicletta rimase gravemente ferito. Un sopralluogo tecnico richiesto dagli avvocati della difesa Carlo Di Bugno e Lodovica Giorgi, per verificare la dinamica dell’incidente, con la consulenza dell’ingegnere Achille Dall’Aglio.

Un incidente da cui è nata un’inchiesta della procura, anche perché i due genitori del bambino, una coppia di francesi residenti a Dubai, hanno chiesto i danni. Dal canto suo, qualche settimana fa il Comune ha denunciato i due genitori, con l’ipotesi di abbandono di minore. Una accusa grave, motivata nel dettaglio nella denuncia dell’amministrazione comunale, che ha sostenuto che l’incidente si sarebbe potuto evitare se le circostanze in cui si è consumato fossero state diverse. Secondo i verbali dei rilievi della polizia municipale, redatti attraverso le testimonianze raccolte sul posto, infatti, i due genitori stavano viaggiando sulle mura su un risciò mentre il bambino era su una bicicletta e, quindi, secondo la ricostruzione del Comune, in una situazione su cui poteva essere difficile vigilare. Una versione opposta quella dei genitori secondo i quali l’incidente si sarebbe potuto evitare se ci fossero state adeguate misure di sicurezza.
Questa mattina il sopralluogo dei tecnici della difesa ha cercato di ricostruire l’incidente, e la cosa non è passata inosservata ai passanti che in quell’orario, dalle 10 alle 12, stavano transitando sulle Mura.
Le foto di Paolo Pinori

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.