Truffato calzaturificio: via migliaia di euro

Una truffa ben orchestrata ai danni di un calzaturificio di Segromigno e che ha fruttato un furgone carico di scarpe. Tutto è accaduto oggi (22 maggio) intorno alle 9 di mattina, quando un furgone ha raggiunto l’area di carico dell’azienda. Alla guida del mezzo. come hanno raccontato i responsabili, c’era una sola persona, che già la sera precedente aveva telefonato agli uffici del calzaturificio, per ricordare il ritiro di alcuni colli che sarebbe avvenuto la mattina seguente.

La merce è stata così caricata all’interno del furgone in poco tempo, senza che nessuno avesse il benché minimo sospetto di ciò che stava in realtà accadendo.
Nel momento in cui sono stati richiesti i documenti cartacei dell’ordine, il conducente ha affermato che si trovavano dallo spedizioniere e che non c’era alcun obbligo di presentarli in copia.
Dagli uffici del calzaturificio a quel punto è partita la telefonata all’azienda responsabile dell’ordine per verificarne i dati Ma non esisteva nessun ordine di colli e solo in quel momento dal calzaturificio si sono resi conto di essere stati truffati.
Il falso corriere, nel frattempo, si era dato alla fuga con un notevole bottino di alcune decine di migliaia di euro in merce.
Alla ditta non è restato altro che avvertire i carabinieri e presentare denuncia per avviare le prime indagini. Sono state così controllate le telecamere presenti nell’area di carico ed è stata facilmente individuata la targa del furgone che ha sostato nel calzaturificio per una ventina di minuti. Purtroppo però, ad ulteriori accertamenti, la targa è risultata rubata ed intestata a diverso veicolo.
Le indagini sono ancora in corso e si attendono sviluppi. Certo è che il colpo era stato premeditato nei minimi dettagli, in quanto il truffatore si era assicurato la sera precedente che l’ordine fosse pronto, presentandosi con un furgone con una targa falsa.

P.P.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.