Abbandono rifiuti, altri 2 beccati e multati

Più informazioni su

Beccati e multati due nuovi casi di abbandono rifiuti sul territorio di Altopascio. Grazie alle ispezioni condotte dalla polizia municipale e da Ascit, infatti, è stato possibile risalire agli autori di due abbandoni rifiuti, entrambi residenti ad Altopascio, che si vedranno arrivare a casa 400 euro di multa ciascuno.

Stavolta l’area interessata dai controlli è stata quella di via Capocavallo, a Badia Pozzeveri: un luogo che di frequente diventa oggetto dell’inciviltà delle persone, che, noncuranti delle regole della raccolta differenziata porta a porta o della possibilità di contattare Ascit per il ritiro domiciliare gratuito dei materiali ingombranti, lasciano sacchetti, frigoriferi, divani, tavole o altre tipologie di rifiuto lungo la strada, fregandosene dell’ambiente e degli altri.
“Grazie alle telecamere No dumping, alle segnalazioni dei cittadini e all’attività di controllo, pulizia e prevenzione svolta direttamente sul campo dagli agenti della Municipale e da Ascit riusciamo a tenere monitorato il territorio e a risalire ai responsabili – spiegano il sindaco, Sara D’Ambrosio e l’assessore all’ambiente, Daniel Toci -. Sui sanzionati avvieremo delle verifiche anche per quanto riguarda l’iscrizione alla Tari. È un’azione che portiamo avanti senza sosta, perché prima di tutto questa è una battaglia di civiltà, per la tutela del bene comune e per il rispetto nei confronti di tutti quei cittadini onesti che pagano regolarmente le tasse e conferiscono i rifiuti nel modo corretto. L’attenzione è sempre alta e lo è anche grazie alla maggiore sensibilità dei cittadini: molti di loro ci contattano per segnalare materiali abbandonati o per dare indicazioni alla Municipale e di questo li ringraziamo profondamente. Il coinvolgimento diretto delle persone è il modo migliore per arginare e isolare chi porta avanti pratiche incivili che danneggiano l’ambiente e quindi tutti noi. Per contrastare l’abbandono dei rifiuti abbiamo acquistato anche due nuove telecamere no dumping, che portano a quattro il numero di strumenti mobili, da spostare sul territorio”.
I dati altopascesi, poi, indicano che fare la raccolta differenziata conviene anche alle tasche dei cittadini: ad Altopascio, infatti, si spende 161 euro per abitante per il servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti, contro una media dell’Autorità di ambito (composta dai comuni delle 4 province della Costa Toscana) di 215 euro.
“Anche i valori percentuali della raccolta differenziata ad Altopascio sono in costante miglioramento – continuano D’Ambrosio e Toci -, questo significa che l’opera di sensibilizzazione e di informazione sta dando i suoi frutti. Siamo sicuri che la situazione migliorerà fortemente con l’apertura del centro di raccolta nell’area del Cerro, dove un tempo sorgeva l’inceneritore”.
Resta attivo lo sconto del 10% sulla bolletta per chi pratica il compostaggio domestico: le famiglie che hanno un orto o un giardino possono trasformare gli scarti organici in terriccio. Il composter si ritira all’Ascit, a Lammari, mentre per ottenere la riduzione bisogna rivolgersi all’ufficio tributi. Info e moduli, invece, l’Urp in piazza Vittorio Emanuele.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.