Badante ripulisce il conto dell’anziana: a giudizio

E’ accusata di aver raggirato l’anziana, sfruttando i suoi problemi di salute e la fiducia che riponeva nei suoi confronti. Una storia purtroppo ben nota, dal triste epilogo. Perché quello di una badante nei confronti di una pensionata di Lucca non era sincero affetto bensì, secondo gli acquirenti, mala fede. La donna, infatti, stando alle accuse le portava via soldi e gioielli. Ora la 41enne, di origini nigeriane ma residente a Borgo a Mozzano, è finita nei guai per circonvenzione di incapace, aggravata, e il pm Sara Polino nei giorni scorsi ha chiesto e ottenuto il rinvio a giudizio dal gup Alessandro Trinci.

Il prossimo 3 aprile l’inizio del delicato processo ai danni dell’imputata difesa dall’avvocato Simone Lepore. Gli investigatori dopo le denunce dei familiari dell’anziana donna sarebbero risaliti ad almeno un anno di prelievi dal conto corrente della vittima, senza apparenti motivi, e donazioni di gioielli sempre in favore della sua badante. Sempre secondo l’accusa la donna avrebbe anche utilizzato più volte la carta di credito dell’anziana signora che avrebbe dovuto assistere per comprare oggetti high tech in alcuni negozi di Lucca. Danni al patrimonio della donna anziana per migliaia di euro, secondo i giudici. In quella casa di Fabbriche di Vergemoli stando al resoconto investigativo si sarebbero consumati i reati di cui l’imputata è accusata perché approfittando della fiducia che si era venuta a creare nel tempo si sarebbe fatta fare regali in denaro e oggetti pur sapendo dello stato di salute dell’anziana signora a cui due anni fa il tribunale di Lucca ha affidato poi un amministratore di sostegno proprio a seguito dei fatti oggetto del procedimento penale a tutela dei suoi beni e averi. Queste almeno le ipotesi accusatorie. Ora la donna dovrà difendersi in aula dalla gravi accuse degli inquirenti durante la fase dibattimentale del processo a suo carico.

Vincenzo Brunelli

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.