Fino a sabato l’astensione degli avvocati contro la riforma della prescrizione

Prosegue la battaglia degli avvocati lucchesi contro la riforma della prescrizione che dovrebbe entrare in vigore nel prossimo mese di gennaio.

Fino a sabato (7 dicembre) è previsto il blocco delle udienze al palazzo di giustizia di Lucca salvo per gli imputati detenuti e in custodia cautelare. L’astensione dalle udienze indetta dall’Unione delle camere penali italiane è dovuta alla stretta opposizione alla riforma della prescrizione contenuta nel dl spazza corrotti, che comporterebbe una sospensione senza fine della prescrizione dopo la sentenza di primo grado.

“I motivi – dicono dalla Camera Penale di Lucca – sono riconducibili al rischio certo di un processo senza fine. Questo perché nessuna norma imporrebbe di fissare in  un tempo ragionevole i successivi gradi di giudizio, in assenza di una riforma organica del processo penale e di un aumento del numero dei giudici e del personale di cancelleria; un vero e proprio disastro. Conseguentemente sarebbero lesi gravemente i diritti e le libertà delle persone, imputate o parte civili che siano.  Lesi verrebbero anche i diritti delle parti Pensiamo a temi importanti della violenza sulle donne, ai maltrattamenti in famiglia delle parti fisicamente più deboli. Potranno chiedere il risarcimento danni ed esercitare l’azione civile nel processo penale.  La vittima dovrà attendere salvo eventuali provvisionali, che le statuizioni civili diventino esecutive e quindi che la sentenza passi in giudicato. Cosa che non potrà avvenire in tempi ragionevoli con il blocco della prescrizione al primo grado di giudizio”.

Anche ieri di fronte alla suprema corte di cassazione gli avvocati Marco Treggi di Lucca, Eros Baldini e Marco Taddei di Viareggio hanno illustrato le loro opposizioni alla riforma insieme a molti senatori e deputati in una maratona che fino a sabato coinvolgerà oltre mille avvocati.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.