Si dà fuoco per evitare lo sfratto e provoca l’incendio dell’appartamento fotogallery

Paura in un condominio in una corte di via Torino ad Altopascio: l'uomo resta gravemente ferito. Vicini tratti in salvo

Non ha retto più. Di fronte all’ingiunzione di sfratto, ha prevalso la disperazione di un 41enne, inquilino in un appartamento di Corte Panattoni, una traversa di via Torino ad Altopascio. Di fronte all’idea di dover lasciare la casa, si è dato fuoco e provocato un incendio nell’abitazione che lo ha ferito gravemente.  Nell’incendio che ha distrutto l’appartamento si è sviluppata una fiammata che ha provocato danni ingenti.

Sono stati attimi di paura attorno a mezzogiorno di oggi (13 gennaio) anche per i vicini di casa, che sono stati evacuati e tratti in sicurezza dai carabinieri di Altopascio che sono accorsi in zona e dai vigili del fuoco.
Anche il 118 ha inviato soccorsi: tre ambulanze e l’elisoccorso Pegaso che ha trasportato in ospedale a Cisanello l’inquilino, ferito gravemtente, con il codice rosso. E’ stato poi ricoverato in prognosi riservata nella rianimazione del centro ustionati del nosocomio pisano.

Il 41enne ricoverato nella rianimazione del centro ustionati

I vigili del fuoco, con più mezzi, si sono messi all’opera per mettere in sicurezza la casa. Una storia di disperazione sfociata in un epilogo drammatico.

Tutto, secondo una prima e ancora sommaria ricostruzione, è iniziato poco prima di mezzogiorno quando una donna ha suonato il campanello di casa. Era l’ufficiale incaricato dello sfratto e quando l’uomo ha ricevuto la notifica non ne ha voluto sapere.
Si è dato fuoco nell’abitazione, dove le fiamme hanno coinvolto anche alcune suppellettili e mobili, provocando una fiammata. L’ipotesi è che il 41enne di origini brasiliane, con una situazione piuttosto difficile da affrontare, si sia cosparso di liquido infiammabile e che si sia dato fuoco.

Subito dopo è uscito nel piazzale di fronte al suo appartamento – al primo piano di una palazzina di tre piani – ed era avvolto dalle fiamme. Il vicino che vive sopra di lui lo ha visto in quello stato: era come una torcia umana, ha poi raccontato ai carabinieri.

Una scena terribile, il cui film è quello di una tragedia sfiorata: l’uomo dopo che gli era stato notificato lo sfratto, protestando, era rientrato in casa e si era chiuso all’interno. E’ stato allora che ha preso quella disperata risoluzione: si è dato fuoco ed è uscito fuori, cadendo a terra. E’ in condizioni gravissime.

Dei vicini nessuno è rimasto fortunatamente coinvolto, anche se carabinieri, polizia municipale e vigili del fuoco hanno fatto allontanare tutti per precauzione. I militari della stazione di Altopascio, condotti dal maresciallo Luciano Pascolini, sono corsi al piano sopra all’appartamento in fiamme e hanno salvato due bambini piccoli con la mamma, facendoli uscire dallo stabile che nel frattempo era stato invaso dal fumo. I piccoli sono stati portati in ospedale dall’ambulanza ma solo per un controllo di precauzione.

Due bambini e la madre salvati dal rogo appiccato dal vicino

Intanto, gli inquirenti cercano di capire il gesto del 41enne. Un atto disperato che forse era stato preparato dall’uomo: erano già arrivati alcuni solleciti di sfratto e per oggi era previsto che lasciasse l’appartamento. Ipotesi al vaglio per chiarire una vicenda che avrebbe potuto avere un epilogo ancora più drammatico.

Martelli (Acli Toscana): “Tentato suicidio ad Altopascio, necessario riflettere sulla nostra società”

Sul posto in mattinata è giunto anche il sindaco di Altopascio Sara D’Ambrosio. Parte della palazzina è stata resa inagibile, in seguito a una serie di sopralluoghi effettuati dai tecnici. Nessun danno, invece, per le abitazioni limitrofe, grazie al tempestivo intervento dei carabinieri e dei vigili del fuoco che hanno evitato si verificasse una tragedia ancora più grossa.

“Non appena appresa la notizia – spiega il sindaco D’Ambrosio – mi sono recata in via Torino per verificare di persona quanto stesse accadendo. L’appartamento coinvolto, l’appartamento del piano di sopra e il seminterrato corrispondente all’abitazione andata a fuoco sono stati resi inagibili. Gli altri appartamenti della palazzina e le abitazioni limitrofe non riportano danni e le persone, dopo essere stati evacuati per sicurezza, potranno tornare nelle rispettive case. Ulteriori dettagli emergeranno nelle prossime ore, le indagini sono infatti tuttora in corso. Voglio ringraziare le persone, le forze dell’ordine e i mezzi di soccorso intervenuti, che con tempestività hanno evitato che la situazione potesse trasformarsi in una tragedia ancora più grossa”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.