Trucca il cronotachigrafo, maximulta per un camionista foto

Il sofisticato marchingegno scoperto dopo i controlli della polizia municipale

Probabilmente da tempo il camion circolava con la scatola nera alterata in modo da occultare agli addetti ai controlli stradali gli eventuali sforamenti dei tempi di guida e di riposo cui l’autista-padroncino andava incontro nella sua quotidiana attività di trasportatore.

Il trucco, però, è emerso durante un controllo effettuato dagli agenti della polizia municipale di Lucca, la cui attenzione è stata richiamata dagli allestimenti di carrozzeria, eccessivamente vistosi ed appariscenti del mezzo.

I sospetti si sono palesati quando, dal controllo della scheda del conducente, non è apparsa alcuna traccia di un benché minimo errore sui tempi di guida e riposo del padroncino alla guida, cosa estremante rara alla luce delle pregresse e lunghe esperienze in materia fatte dal personale della municipale, abituato da anni a questo tipo di controlli, durante i quali appare sempre qualche minima “sbavatura” seppur lieve, sebbene al di fuori del periodo a ritroso strettamente sanzionabile per legge.

A questo punto gli agenti hanno voluto vederci chiaro eseguendo su strada alcuni test sull’assorbimento e resistenza elettrica degli apparati elettronici del tachigrafo tramite l’utilizzo della strumentazione in dotazione.

I valori emersi completamente fuori scala rispetto a quelli attesi, hanno fornito conferma all’ipotesi iniziale, dal che il mezzo è stato accompagnato presso un’officina autorizzata per il controllo e manutenzione dei tachigrafi, dove, dopo un’ora di operazioni di smontaggio delle varie parti della cabina, è stato rinvenuto, ben celato al di sotto di un vano portaoggetti, il sofisticato e costoso impianto di alterazione del tachigrafo, che consente all’autista di far apparire fermo il mezzo, quando in realtà sta viaggiando, registrando la propria attività come riposo anziché come guida.

La condotta messa in atto è costata all’autista una sanzione da circa 1740 euro e la sospensione della patente da un minimo di 15 giorni fino a tre mesi oltre al sequestro di tutto l’impianto di alterazione, cui si aggiungono i costi da sostenere per il ripristino a norma dell’impianto.

Il comando di polizia municipale vuole evidenziare come l’installazione ed utilizzo di questo tipo di manomissioni non solo costituisca una fonte di pericolo estremo per la sicurezza stradale, consentendo agli autisti di nascondere turni di lavoro massacranti con i risvolti negativi in tema di stanchezza e scarsa prontezza di riflessi alla guida, ma sortisca effetti deleteri anche in materia di concorrenza leale fra le imprese e di sfruttamento del personale dipendente alla guida.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.