Coronavirus, treno partito da Lucca bloccato a San Rossore ma era un falso allarme

Una ragazza accusava sintomi di un'influenza: sul posto 118 e polizia

E’ psicosi coronavirus anche a bordo dei treni regionali. Un convoglio partito oggi (25 febbraio) alle 12,42 da Lucca e diretto a Pisa è stato bloccato per circa un’ora nella stazione di San Rossore per un intervento del 118 su una ragazza che accusava sintomi influenzali.

Per fortuna si è trattato di un falso allarme. A dare l’allarme, è stata la stessa ragazza per timore di avere contratto il virus. E’ andata dalla capotreno, che ha attivato la procedura prevista da Fs. Quindi è stato chiamato il 118 e sul posto è giunta anche una pattuglia della Polfer.

Testimone dell’accaduto anche uno studente lucchese, Michele Sarti Magi: “Mi trovavo nello stesso vagone della ragazza – racconta – quando l’ho vista alzarsi e spiegare al capotreno che si sentiva male”.

La ragazza, quando sono arrivate le forze dell’ordine, è stata messa in contatto con il numero di emergenza attivato dall’Asl. Il personale ha valutato che non presentasse i sintomi del coronavirus e ha fatto ripartire il treno. La giovane, originaria di Lucca, ha tirato un sospiro di sollievo e ha proseguito il suo viaggio.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.