Coronavirus, nuova ordinanza: test solo ai casi sospetti. Ricovero solo per i più gravi

Chiesto alle aziende di trasporto un intervento di pulizia straordinaria dei mezzi

Coronavirus, nuova ordinanza quadro per la Toscana: tampone solo per i casi sospetti e ricovero in ospedale solo per i casi più gravi.

Il presidente della Regione Enrico Rossi ha emesso un’ordinanza quadro per disciplinare quanto è stato disposto finora in Toscana in materia di prevenzione e gestione dell’emergenza epidemiologica da coronavirus. Il testo è stato redatto seguendo le linee dettate dal ministero della salute.

Enrico Rossi governatore firma ordinanza coronavirus

Queste le principali prescrizioni contenute nell’ordinanza.

Innanzitutto i cittadini, qualora manifestino sintomi come febbre, tosse o altri sintomi influenzali, devono rivolgersi sempre al proprio medico di famiglia, privilegiando il contatto telefonico dal proprio domicilio.

Se provengono da una zona rossa devono chiamare il numero verde dedicato o i numeri delle aziende sanitarie territoriali che indicheranno il percorso più adatto.

Il ricorso agli ospedali, sempre tramite percorsi dedicati, viene limitato solo ai casi più gravi.

I test diagnostici per la verifica della positività vengono effettuati solo ed esclusivamente sui casi sospetti, come definiti dalle disposizioni nazionali. I casi positivi saranno sempre identificati con ordinanza del sindaco del comune di residenza, quale autorità sanitaria.

Sulla base delle indicazioni delle aziende sanitarie locali, sarà sempre il sindaco a emanare le eventuali ordinanze riguardanti la persona contagiata e le sue relazioni. Tra gli allegati dell’ordinanza ci sono infatti anche i modelli per la quarantena e per l’isolamento fiduciario.

Si ricorda che i casi sospetti sono solo coloro che presentano la doppia condizione: provenienza da una delle zone rosse e/o contatto stretto con persone portatrici di virus e sintomatologia febbrile e/o respiratoria in atto.

L’ordinanza elenca e ricorda inoltre la serie di buone pratiche su igiene e sanità pubbliche che sono tenuti a attuare i sindaci, come l’affissione delle informazioni sulle misure di prevenzione rese note dal ministero della salute nelle scuole di ogni ordine e grado, nelle università, negli uffici delle restanti pubbliche amministrazioni.

Sindaci e associazioni di categoria devono provvedere alla diffusione e alla promozione delle informazioni sulle misure di prevenzione igienico sanitarie negli esercizi commerciali.

Le aziende di trasporto pubblico, da parte loro, devono adottare interventi straordinari di pulizia dei mezzi.

L’ordinanza ricorda infine che vengono sospesi fino al 15 marzo i viaggi d’istruzione, le iniziative di scambio o gemellaggio, le visite guidate e le uscite didattiche comunque denominate, programmate dalle istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.