Coronavirus: nessun obbligo di indossare le mascherine o vanno garantite a tutti

Sempre di più i negozi che chiedono di indossare le protezioni e i guanti per fare la spesa: il rischio è limitare ulteriormente le necessità primarie

Mascherine sì o mascherine no? Mascherine forse.

Il dibattito è aperto, fra Comuni (piccoli) che hanno garantito la distribuzioni a tutte le famiglie e i Comuni più grandi che, invece, privilegiano l’aiuto alle professioni sanitarie in prima linea. La certezza è che di certezze non ce ne sono, salvo quella che le mascherine chirurgiche hanno il solo scopo di non trasmettere il contagio a terzi e non di proteggersi dal virus e che quelle con il filtro, se non usate in contesti corretti, possono essere più dannose che altro.

E se qualcuno dice che l’unica soluzione è starsene a casa, mascherina o no, c’è chi, come il sindaco di Pietrasanta che pretenderebbe che tutti le indossassero: “Le mascherine – dice Alberto Giovannetti – sono uno strumento che va assolutamente indossato quando si è in coda per fare la spesa o ci si trova in farmacia o in altre situazioni di contatto con altre persone. È un dispositivo di autotutela ma anche di rispetto per chi le indossa. Invito tutti ad indossarle. Vanno indossate in presenza di altri soggetti e non quando si è da soli in auto. Informatevi sulla durata dei dispositivi e soprattutto su come utilizzarli correttamente”.

Il caos, dunque. Anche perché non è così scontato rintracciarle, queste mascherine. E, quando si trovano, il prezzo non è certo abbordabile per tutti. Poi c’è chi dice che basta una sciarpa o un foulard, basta coprirsi bocca e naso modello pistolero degli Spaghetti Western.

Ma il vero problema è l’accesso ai punti vendita. Sempre più negozi, a partire dalla grande distribuzione Conad, chiedono l’obbligo di guanti e mascherina per chi fa la spesa. E così anche i piccoli alimentari di paese.

E se non c’è la garanzia di avere i dispositivi si rischia anche di vedersi ulteriormente limitata la propria libertà di movimento. E non tutti possono permettersi le consegne a casa (a volte senza la certezza del costo) o di rifornirsi di guanti e mascherine con costanza anche solo perché si vuole andare a fare la spesa.

Delle due l’una: o mascherine per tutti, fornite dagli stessi privati che prevedono di farle portare per forza o nessun obbligo di indossarle per fare la spesa o per frequentare i negozi che possono stare aperti. Tutto il resto è un dibattito, è proprio il caso di dirlo, sterile.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.