Sarà una Pasqua in “quarantena”. Prorogate al 13 aprile le misure contro il virus: “La battaglia è ancora lunga”

Lo ha confermato il ministro Speranza in una informativa al Senato: "Non si può ancora abbassare la guardia"

Saranno una Pasqua e una Pasquetta in quarantena. Tutte le misure e disposizioni per evitare la diffusione del contagio da coronavirus prorogate fino al prossimo 13 aprile. Non c’è ancora il decreto ma ormai è ufficiale.

La conferma è arrivata questa mattina (1 aprile) dal ministro Roberto Speranza, durante un’informativa al Senato. Speranza ha sottolineato di fare “attenzione ai facili ottimismi che possono vanificare i sacrifici, attenzione a non confondere i primi segnali positivi con un segnale di cessate allarme, siamo sulla strada giusta”.

Le restrizioni per gli spostamenti – e ovviamente la chiusura delle scuole e università – saranno dunque prorogate fino al giorno di Pasquetta. Le attuali misure in vigore “scadono” il prossimo 3 aprile, ma era ormai attesa la proroga.

La battaglia è ancora lunga, non possiamo e non dobbiamo abbassare la guardia – ha detto il ministro -. La strada da percorrere è ancora lunga, senza il vaccino non sconfiggeremo mai il Covid”, ha aggiunto. “Per riaccendere i motori della nostra economia non si possono sbagliare i tempi, sono confermate fino al 13 aprile tutte le misure di limitazioni precedentemente adottate”, ha confermato Speranza.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.