Tenta la truffa dello specchietto a San Filippo

Simula un incidente e chiede un accomodamento bonario. Scoperto si dà alla fuga

Ancora truffatori dello specchietto in azione a Lucca. L’episodio di oggi si è verificato a San Filippo. La tecnica è stata quella consueta, un colpo simulato sulla carrozzeria e poi l’invito ad accostare per constatare il danno.

Ma la donna alla guida della macchina ‘toccata’ non ci è cascata. Dopo aver parcheggiato l’auto, alla richiesta del presunto danneggiato di un accomodamento bonario per la rottura dello specchietto retrovisore, ha chiamato il proprio assicuratore che ha consigliato alla signora di chiamare i carabinieri.

Il truffatore quando ha sentito del possibile arrivo delle forze dell’ordine si è rapidamente dileguato, dopo aver chiesto alla donna di cancellare dal telefonino la foto della targa della macchina.

L’episodio è stato denunciato ai carabinieri. Il truffatore, secondo la descrizione, agisce su una Giulietta bianca, è un giovane alto e di carnagione olivastra.

Il consiglio è di non accettare mai transazioni bonarie ma sempre, soprattutto in caso di dubbi, di allertare le forze dell’ordine.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.