La disperazione della madre del centauro: “Ditemi che non è vero” foto

La donna è arrivata sul luogo dell'incidente in lacrime. Il fratello di una delle vittime allontanato dal personale del 118

Una triste processione, quasi fosse una via crucis della disperazione. Amici e parenti delle tre vittime del drammatico incidente stradale avvenuto nel primo pomeriggio di oggi (1 giugno) a Lunata, arrivano sulla via Pesciatina ancora chiusa al traffico con lo sguardo disperato. Tra i primi ad arrivare c’è anche il giovane fratello di una delle due giovanissime vite spezzate a bordo dello scooterone travolto dalla moto guidata da un 38enne.

Tragico schianto tra scooter e moto: tre morti sulla via Pesciatina a Lunata

Si avvicina timoroso alle forze dell’ordine: “Cerco il mio fratellino, ditemi che non è lui” e indica la drammatica scena di uno scooterone riverso a terra quasi polverizzato. Allunga lo sguardo ai due corpi coperti da un telo bianco. Purtroppo tra questi c’è il cadavere anche di suo fratello.

La disperazione assale anche la mamma del giovane 38enne alla guida della Bmw 1200. Arriva in lacrime e fa per avvicinarsi all’ambulanza della Croce Verde, in sosta a pochi metri dal cadavere del figlio. Scoppia a gridare: “No, perché, non ci credo. Non è vero: ditemi che non è vero”. Devono consolarla parenti e amici nel frattempo accorsi e i sanitari e le forze dell’ordine cercano di farle forza. E’ tutto inutile.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.