Quantcast

Gara tpl, Consiglio di stato respinge l’istanza di sospensione dell’affidamento

Mobit: "Una decisione che ci sorprende, ma aspettiamo l'udienza di merito"

Il Consiglio di stato respinge l’istanza di sospensione cautelare dell’affidamento della gara tpl in Toscana ad Autolinee Toscane. Mobit reagisce con sorpresa: “Attendiamo serenamente l’udienza di merito che si terrà il prossimo 8 ottobre, nella quale siamo certi riusciremo a fare apprezzare al Collegio giudicante i nostri argomenti e le censure al piano economico finanziario di Autolinee Toscane. Nel frattempo tuttavia la nostra attenzione è essenzialmente rivolta all’indagine avviata dalla procura di Firenze che ha portato nei giorni scorsi, come apprendiamo dalla stampa e dai media, a perquisizioni della guardia di finanza negli uffici della Regione Toscana e di Autolinee Toscane”.

Mobit si è già costituita “persona offesa” in quel procedimento assistita dall’avvocato Pier Matteo Lucibello del Foro di Firenze.

“In conseguenza di ciò – si spiega – abbiamo ricevuto notizia dalla procura che sono ipotizzati, in merito alla procedura di gara, reati di falso in atto pubblico, abuso di ufficio, turbativa d’asta in concorso, induzione a promettere o dare utilità, che se accertati, alla luce delle indagini, farebbero emergere vizi che minano l’aggiudicazione ad Autolinee Toscane. Da notizie di stampa, apprendiamo che sarebbe indagata l’intera commissione di gara, fra cui i dirigenti regionali che hanno diretto ed organizzato la procedura di gara. Mobit si è messa a disposizione della magistratura per collaborare per quanto di sua competenza. Mobit alla luce di quanto sopra, ritiene utile e opportuno che la Regione non proceda oltre con la procedura di gara prima che sia ulteriormente meglio chiarito l’ambito di indagine”.

Pronta la replica di At: “Ma come: dopo 5 anni di corsi, ricorsi e denunce – commenta Bruno Lombardi, presidente di At – e dei conseguenti pronunciamenti della giustizia amministrativa, dal Tar, alla CdG dell’Ue e del CdS, Mobit ancora non riesce ad accettarne l’esito”.

“L’ordinanza di oggi , ulteriore conferma che questa gara è stata gestita correttamente, ci consente di proseguire il lavoro che stiamo facendo per l’avvio della nuova gestione del trasporto pubblico locale. Quanto all’indagine in corso – conclude Lombardi – abbiamo fornito agli inquirenti la massima collaborazione e, non avendo nulla da nascondere, siamo fiduciosi ed auspichiamo che sia fatta chiarezza al più presto”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.