Quantcast

Nubifragio in Valle del Serchio, arrivano due milioni di euro

Decretato lo stato di emergenza regionale: 85 interventi di somma urgenza in 13 comuni

Oltre due milioni di euro per i danni del nubifragio che nella notte tra il 4 e il 5 giugno scorsi ha colpito la provincia di Lucca e in modo particolare la Valle del Serchio e la Garfagnana. Il presidente Enrico Rossi ha dichiarato lo stato di emergenza regionale in relazione al maltempo  di quei giorni e l’area della Lucchesia risulta la destinataria degli importi più rilevanti.

In poche ore intere zone della Valle del Serchio erano state flagellate dalla pioggia, con danni consistenti a strade e luoghi pubblici.

La giunta regionale ha stanziato 2 milioni e 870mila euro, destinati a coprire il finanziamento degli interventi di somma urgenza.

Venti i comuni coinvolti in 4 province toscane, soprattutto a Lucca, con 106 interventi da attivare.

Riepilogo interventi di somma urgenza

In seguito alle segnalazioni pervenute e raccolte dalla protezione civile regionale, risultano 106 gli interventi di somma urgenza, per un totale complessivo di 2.870.000,00 euro. I comuni coinvolti sono 20 ricadenti in 4 Province della Toscana, cioè Arezzo (1 Comune), Grosseto (1 Comune), Lucca (13 Comuni) e Pistoia (5 Comuni).

In particolare sono 85 gli interventi in provincia di Lucca, di cui sono soggetti attuatori Provincia e Comuni, per complessivi 2.072.000 euro.

L’evento del 4 e 5 giugno

Particolarmente aggressiva nella parte nord ovest della Toscana soprattutto nelle ore pomeridiane e serali con precipitazioni che possono considerarsi a carattere di eccezionalità. E’ stata definita così la perturbazione che ha coinvolto la Toscana tra il 4 e 5 giugno scorsi.

Brevi e intensi sono stati i temporali più dannosi che si sono abbattuti in special modo tra la Lucchesia e l’Abetone. A titolo di esempio, a Barga, il cui pluviometro ha fatto registrare nelle 3 ore, dalle 17,15 alle 20,15, una pioggia cumulata di ben 147,0 mm; 131,4 mm di pioggia in tre ore sono i dati registrati dal pluviometro che si trova nei pressi dell’Abetone in località Boscolungo.

A livello di bacino idrografico, in corrispondenza delle principali sezioni di chiusura del reticolo interessato dall’evento, si sono registrati cumulati di pioggia massima sulle 24 ore fino a circa 140 mm nei bacini che vengono controllati dagli idrometri di Casotti Cutigliano (Lima), Fornoli (Serchio) e Ruosina (Vezza), e comunque diffusamente superiori a 100 mm medi areali in buona parte del territorio ricompreso nel bacino medio-alto del Serchio e parte del bacino dell’alta Versilia.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.