Coronavirus, confermato il focolaio di Viareggio: 11 nuovi casi in 24 ore in provincia di Lucca

Aumentano gli attualmente positivi in Toscana. Ricoveri ancora giù: solo uno in terapia intensiva a Livorno

Arriva dai dati della Regione la conferma del boom di nuovi casi in provincia di Lucca. Se ne segnalano 11, riferibili al cluster della famiglia bengalese di Viareggio. Non ancora conteggiato il doppio contagio segnalato a Seravezza, confermato dalla Asl Toscana Nord Ovest, che parla di un totale di 12 casi, uno dei quali ‘contabilizzato’ a Livorno dove è avvenuto il ricover. Il dato arriva dopo due settimane di fila senza nuovi contagi. Di conseguenza continua ad aumentare in Toscana il numero degli attualmente positivi.

In Toscana sono 10306 i casi di positività al coronavirus, 19 in più rispetto a ieri. I nuovi casi sono lo 0,2% in più rispetto al totale del giorno precedente. I guariti crescono dello 0,1% e raggiungono quota 8851 (l’85,9% dei casi totali). I tamponi eseguiti hanno raggiunto quota 356547, 2685 in più rispetto a ieri. Gli attualmente positivi sono oggi 339, +2,1% rispetto a ieri. Si registrano 2 nuovi decessi: 2 uomini, con un’età media di 84 anni, delle province di Firenze e Massa Carrara.

Sono 3.213 i casi complessivi a oggi a Firenze (7 in più rispetto a ieri), 538 a Prato, 748 a Pistoia, 1.052 a Massa, 1362 a Lucca (11 in più), 932 a Pisa, 479 a Livorno, 681 ad Arezzo (1 in più), 429 a Siena, 401 a Grosseto. Sono 471 i casi positivi notificati in Toscana, ma residenti in altre regioni. Sette in più, quindi, i casi riscontrati oggi nell’Asl Centro, 11 nella Nord Ovest, 1 nella Sud est.

Complessivamente, 326 persone sono in isolamento a casa, poiché presentano sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere, o risultano prive di sintomi (più 8 rispetto a ieri, più 2,5%). Sono 1048 (più 6 rispetto a ieri, più 0,6%) le persone, anche loro isolate, in sorveglianza attiva perché hanno avuto contatti con persone contagiate (Asl Centro 430, Nord Ovest 556, Sud Est 62).

Le persone ricoverate nei posti letto dedicati ai pazienti Covid oggi sono complessivamente 13, 1 in meno di ieri (meno 7,1%), di cui 1 in terapia intensiva (1 in meno rispetto a ieri, meno 50%). Tre di questi, di cui uno in terapia intensiva sono ricoverati all’ospedale di Livorno.

Le persone complessivamente guarite salgono a 8851 (più 10 rispetto a ieri, più 0,1%): 210 persone clinicamente guarite (meno 13 rispetto a ieri, meno 5,8%), divenute cioè asintomatiche dopo aver presentato manifestazioni cliniche associate all’infezione e 8.641 (più 23 rispetto a ieri, più 0,3%) dichiarate guarite a tutti gli effetti, le cosiddette guarigioni virali, con doppio tampone negativo.

Sul territorio dell’Asl Toscana nord ovest il numero dei guariti ad oggi è di 3290.

Le assunzioni

Dal 15 marzo ad oggi sono state effettuate dall’Asl Toscana nord ovest 966 assunzioni. Questo ha permesso di dare risposte concrete in un momento di grande difficoltà e sarà fondamentale anche per gestire al meglio la fase di graduale ritorno alla normalità e per garantire una presenza attiva sul territorio.

La maggior parte delle assunzioni ha riguardato gli infermieri: 519 i nuovi assunti, una risorsa importante che va a vantaggio di tutta la popolazione; i medici chiamati a rafforzare la squadra della nord ovest sono stati 137 mentre 214 sono i nuovi Oss e 58 i tecnici di laboratorio e della prevenzione. Inoltre, 90 nuovi operatori sono stati destinati alle Usca ed alle cure intermedie. Sono stati quindi potenziati in questi ultimi mesi i settori più impegnati nell’emergenza Covid ed a maggior rischio.

Riguardo alla distribuzione del nuovo personale nelle zone, questi i numeri: nelle zone apuana e Lunigiana i nuovi assunti sono stati 230; la Piana di Lucca e la Valle del Serchio hanno visto un incremento di 190 unità; 117 persone sono state destinate all’Alta Val di Cecina, Valdera e zona Pisana; la zona Livornese, le Valli Etrusche e l’Elba hanno avuto complessivamente 290 nuovi assunti; infine 139 sono state le assunzioni in Versilia.

La situazione nelle Rsa

Dal costante monitoraggio su ospiti e operatori di 119 residenze sanitarie per anziani (Rsa), 8 residenze sanitarie per disabili, 13 comunità alloggio protette e altre 4 strutture a bassa intensità assistenziale presenti sul territorio aziendale, emerge che sui 4599 ospiti sono stati effettuati 5780 tamponi e 3981 test sierologici: 3 sono attualmente i positivi (erano 7 l’altra settimana e sono stati al massimo, nei giorni del “picco”, 345). I decessi sono stati 114.

Sui 4775 operatori sono stati eseguiti 5267 tamponi e 4254 test sierologici; i positivi sono 28 (erano stati al massimo 129).

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.