Falso tecnico Gaia tenta la truffa in un’abitazione

La signora che ha ricevuto la visita ha richiesto di mostrare il tesserino e il malintenzionato si è dileguato con una scusa

Arriva da Pietrasanta la segnalazione di un ennesimo tentativo di truffa in un’abitazione con la tecnica dei falsi tecnici dell’acqua. In questo caso un malintenzionato si è presentato alla porta di casa di una signora e, qualificandosi come operatore Gaia, ha chiesto di poter entrare per verificare la presenza di rame nell’acqua che sgorga dalle condutture domestiche.

Il tentativo non è andato a segno perché il truffatore, che non presentava il logo di Gaia sul vestiario da lavoro, alla richiesta della signora di esibire il proprio tesserino identificativo ha assunto un atteggiamento sospetto e si è dileguato adducendo una frettolosa giustificazione.

Gaia nega qualsiasi emergenza per inquinamento da rame sull’acqua potabile e ricorda che i propri addetti, che si recano presso le abitazioni degli utenti previo appuntamento telefonico, non effettuano campionamenti al rubinetto. Gli addetti del gestore sono inoltre riconoscibili dal cartellino identificativo con il logo, che compare anche sull’abbigliamento da lavoro e sulla macchina aziendale. Si invitano pertanto gli utenti alla massima prudenza e a segnalare subito la presenza di presunti truffatori nella propria zona di residenza con una telefonata alle autorità competenti e al numero verde di Gaia 800,223377 (199.113377 da telefonia mobile).

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.