Beccato a rubare dalla cassaforte del proprietario della ditta per cui lavora: arrestato e condannato

La squadra mobile ha fotografato le banconote e installato le telecamere per coglierlo sul fatto: 52enne nei guai

Beccato a rubare dalla cassaforte del proprietario dell’azienda per cui lavora: arrestato, condannato e, con tutta probabilità, licenziato.

Da tempo, il proprietario di una azienda lucchese, attiva nel settore della termoidraulica, registrava ammanchi dalla cassaforte dell’azienda, in cui teneva denaro per esigenze di liquidità. Il sospetto che a sottrarre i soldi fosse un fidato dipendente lo ha spinto a rivolgersi agli investigatori della squadra mobile dela polizia.

Ad incastrare il dipendente le telecamere installate proprio in corrispondenza della cassaforte. L’uomo trafugava le chiavi e quasi tutti i giorni sottraeva piccole somme di denaro, nell’ordine di 100/150 euro, per non destare troppi sospetti.

Ieri l’ennesimo furto, finito male per l’intervento dei poliziotti, che lo hanno perquisito appena dopo la sottrazione di denaro trovando nel suo portafogli la somma di 2000 euro in contanti. Parte dei contanti, 1050 euro in banconote da piccolo taglio, apparteneva al proprietario, i cui soldi erano stati precedentemente fotografati.

L’uomo, 52 anni, mai entrato prima d’ora nel mirino delle forze dell’ordine, è stato arrestato per furto aggravato. Oggi, al giudizio per direttissima, ha patteggiato la pena di due anni di reclusione.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.