Quantcast

Palestra abusiva in pieno centro a Viareggio, Guardia di finanza la fa chiudere foto

Multato il gestore, in corso le verifiche fiscali e sanitarie. In periodo Covid c'era un solo spogliatoio per tutti i clienti

Nessuna insegna all’esterno e vetrate oscurate per evitare sguardi indiscreti. Così un viareggino è riuscito per mesi a tenere aperta una palestra abusiva in centro città.

Il proprietario aveva allestito allo scopo i locali di un negozio, dotandoli di macchinari, tapis roulant, attrezzi, pesi e manubri, senza effettuare alcuna comunicazione alle autorità competenti, senza autorizzazioni e non rispettando le prescrizioni igienico-sanitarie, di fondamentale importanza in questo periodo.

Ogni giorno decine di persone utilizzavano la palestra e gli attrezzi servendosi, tra l’altro, di un unico spogliatoio ricavato all’interno dei locali e messo a disposizione ad uso promiscuo per uomini e donne. Gli impianti e le attrezzature non rispettavano i requisiti tecnici, igienico-sanitari e di sicurezza imposti dalla legge e dai regolamenti regionali per poter svolgere l’attività ludico-motoria-ricreativa.

La Guardia di finanza di Viareggio ha sanzionato il gestore dell’attività abusiva ai sensi dellla legge regionale che prevede il pagamento di una somma da 1500 a 6500 euro.

La palestra, tra l’altro, non disponeva del defibrillatore, dispositivo obbligatorio per le attività di questo tipo e che può salvare vite in caso di emergenza. Per tali ragioni, per tutelare la salute e l’incolumità delle persone, i locali sono stati chiusi fino al ripristino delle condizioni di sicurezza.

L’attività è stata avviata a seguito dell’analisi di materiale fotografico e video che riprendeva sessioni di allenamento pubblicato su alcuni profili di social network. Appostamenti e la consultazione delle diverse banche dati in uso al corpo hanno poi consentito di individuare la palestra e rilevare la mancanza di autorizzazioni.

Durante l’accesso, le Fiamme Gialle hanno acquisito anche documentazione contabile e attestazioni dei pagamenti per i successivi approfondimenti di natura fiscale. Sono tuttora in corso ulteriori accertamenti finalizzati a verificare che tra i clienti degli ultimi mesi non vi fossero soggetti sottoposti a sorveglianza sanitaria o in quarantena a causa dell’emergenza sanitaria.

L’azione svolta conferma ancora una volta l’impegno delle Fiamme Gialle viareggine nel contrasto alle attività economiche abusive o irregolari a tutela della salute dei cittadini e dei soggetti economici che operano nel rispetto delle regole.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.