Con la droga nell’auto e in casa, arrestato insospettabile: “Spaccio per la crisi dovuta al lockdown”

L'uomo, dipendente di una carrozzeria, è caduto nella rete dei controlli della Squadra Mobile della polizia di Lucca

Con la droga nell’auto, arrestato un dipendente di una carrozzeria. Si è dato allo spaccio, così ha affermato ai poliziotti, per la crisi economica determinata dal lockdown.

Ieri sera (8 settembre) i poliziotti della Squadra Mobile di Lucca, impegnati in un ordinario servizio di prevenzione e repressione del traffico di stupefacenti, hanno fermato e sottoposto a controllo il conducente di un veicolo. L’uomo, in compagnia della propria fidanzata, all’alt della pattuglia in borghese, che si è qualificata puntualmente, ha mostrato ingiustificati segni di nervosismo. Ha dichiarato di avere appena finito di lavorare e di essere in procinto di rincasare.

Il successivo controllo del veicolo ha però dato un esito inatteso. I poliziotti hanno chiesto al conducente di mostrare loro il contenuto di uno zaino che portava con sé. Al suo interno è stata trovata una scatola contenente 5 panetti di hashish del peso complessivo di 474 grammi.

La perquisizione dell’abitazione dell’uomo, nel capannorese, è seguita a pochi minuti dal controllo.  Nell’appartamento erano presenti, sparsi tra gli oggetti di casa, un bilancino di precisione e rotoli di cellophane per il confezionamento dello stupefacente.  I poliziotti hanno poi rinvenuto altri 330 grammi di hashish, nascosti in parte in cucina in parte in camera da letto.

Durante la perquisizione, alla porta di casa si è presentata una ragazza, giunta per acquistare lo stupefacente dal proprio pusher. Ai poliziotti che le hanno aperto la porta la donna è stata costretta ad ammettere il motivo della visita.

In questura, durante le fasi dell’arresto, il ragazzo ha dichiarata di essersi dato al mercato dello stupefacente per le difficoltà economiche sopraggiunte in seguito al lockdown, nonostante il lavoro da dipendente in una carrozzeria di Lucca.

Effettivamente, proprio il mercato dell’hashish è al momento tra i più remunerativi, vista la penuria di sostanza nelle piazze di spaccio europee, per le difficoltà ad importarlo dal paese maggiore fornitore, il Marocco. Il costo dello stupefacente, nella vendita al minuto, è normalmente di 10-15 euro al grammo e non si esclude che attualmente abbia un costo superiore. Nello specifico lo stupefacente poteva fruttare fra gli 8 e i 10mila euro.

L’arrestato oggi è stato processato a Lucca con il rito direttissimo.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.