Ragazza molestata in spiaggia, denunciato un minorenne

E' stato tutto scoperto dall'aggressione ad un giovane che era stato scambiato per il responsabile

Fu una brutale aggressione quella ad un 15enne la notte del 16 agosto scorso a Tonfano. Ma in un primo momento gli inquirenti non avevano imboccato la strada giusta. Anche perché le ferite riportate dal ragazzo a seguito dell’aggressione, erano state ritenute guaribili in appena tre giorni diventati poi 60 a un esame più approfondito che ha diagnosticato una frattura scomposta dell’osso mandibolare del ragazzo.

Inizia così una complessa e articolata attività di indagine condotta dagli agenti del commissariato di Forte dei Marmi che aveva come unico e inesorabile scopo quello di individuare i colpevoli e perseguirli in termini di legge. Sennonché, due giorni dopo l’accaduto, una pattuglia del Commissariato con a bordo personale femminile, viene avvicinata da una ragazza che in atteggiamento in un primo momento polemico e aggressivo, critica quello che i giornali avevano scritto fin a quella mattina su tutta la vicenda.

La poliziotta vuole vederci chiaro e rivolge alla ragazza una serie di domande che mentre la rabboniscono la inducono ad aprirsi e a riferire tutto quello che evidentemente le esplodeva dentro. Racconta di una violenza che lei stessa quella notte aveva subito e che quella brutale aggressione, ancorché separabile dal punto di vista concettuale dalla sua vicenda, in qualche modo le era connessa per una causalità quasi fortuita.

In Commissariato, alla presenza della nonna in quel momento responsabile dell’adolescente perché affidatale dai genitori per trascorrere in Versilia un periodo di vacanza, riferisce che quella notte si era appartata sulla spiaggia con un ragazzo appena sedicenne. Questi, nonostante avesse verificato la ritrosia della ragazza di andare oltre un certo limite, le aveva usato violenza toccandole il seno e le parti intime.

Successivamente, liberatasi dal suo violentatore, la ragazza si rifugia sul lungomare di Tonfano insiemea una sua amica che con altri adolescenti nel frattempo era rimasta poco distante da lei sempre sulla spiaggia. Le due ragazze lì incontrano poi un altro gruppo di adolescenti, conosciuti pochi giorni prima, che vedendole sconvolte chiedono loro cosa fosse accaduto. Le ragazze riferiscono di quanto capitato e innescano senza volerlo una sortita punitiva messa in atto da questi ragazzi ai danni di un appena quindicenne la cui unica colpa era quella di trovarsi lì in quel momento con altri amici ed essere erroneamente scambiato per colui che aveva usato violenza. L’aggressione nei suoi confronti è stata caratterizzata per tutta la sua durata con modalità veramente crudeli.

A terra questi continuava ad essere colpito con calci e pugni al volto e al torace, e solo il buon senso di uno dei presenti, che a un certo punto si è frapposto tra gli aggressori e l’aggredito, ha evitato il peggio. La ricostruzione dei fatti ha comportato l’escussione di moltissimi testimoni, spesso sentiti più di una volta, oltre che alla visualizzazione di immagini e altri accertamenti e verifiche all’esito dei quali è stato possibile dipanare una vicenda molto ingarbugliata e cristallizzarla in un’informativa di reato di circa 400 pagine. L’attività si è conclusa con 4 ragazzi indagati per la brutale aggressione aggravata, e un altro per violenza sessuale. Tutto il procedimento è incardinato presso la Procura del Tribunale dei minori di Firenze.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.