Mancano i docenti, il preside decide di chiudere la scuola

Niente lezioni per la giornata di oggi: "Abbiamo impiegato tutte le risorse possibili". Il sindaco: "Rassicuro che la didattica ripartirà lunedì"

Dopo neanche una settimana dal suono della prima campanella, emergono i primi problemi nelle scuole della Valle del Serchio. Dopo le prime segnalazioni sui disagi sul trasporto pubblico dei ragazzi di San Pellegrino, nel comune di Minucciano oggi (19 settembre) una scuola è rimasta chiusa.

È la scuola media di Gramolazzo, che è stata costretta a lasciare gli alunni a casa a causa di una carenza di personale. Il dirigente scolastico, Oscar Guidi, ha così avvertito i genitori: “Visto l’impossibilità di svolgere regolarmente le lezioni per mancata nomina dei supplenti annuali e avendo utilizzato tutte le risorse interne alle due scuole secondarie durante la settimana, si decreta la chiusura della scuola per la giornata di sabato 19 settembre”.

Scuola media Gramolazzo

Un problema nato quest’anno con il pensionamento di due insegnanti, i cui posti vacanti non sono ancora stati assegnati. Al momento gli unici due professori di ruolo nella scuola media di Gramolazzo sono quelli di inglese e religione. L’istituto, per ovviare a questo stato di emergenza, ha dato via ad un tour de force “schierando” a Gramolazzo alcuni insegnanti della scuola di Piazza al Serchio e richiamando una professoressa andata in pensione.

Verso l’esodo dalle scuole: già 220 i posti vacanti per i pensionamenti dei docenti

Le risorse di questa settimana erano terminate e l’istituto, per evitare disagi agli studenti, ha deciso di chiudere la scuola.

In attesa di capire cosa succederà per il prossimo sabato, le lezioni riprendono: “Mi hanno assicurato che da lunedì ripartiranno le lezioni in classe – comunica il sindaco Nicola Poli -. Speriamo che il problema si risolva nei tempi più brevi possibili”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.