C’è solo un insegnante in servizio, niente lezioni a scuola

Il preside della media decide di chiudere due giorni poi fa un passo indietro

Dopo la prima campanella di pochissimi giorni fa, precisamente il 14 settembre, gli studenti di Bagni di Lucca sono costretti ad uno stop alle lezioni. Gli alunni della scuola secondaria Matteo Trenta rischiavano di dover restare a casa praticamente un’intera settimana: il dirigente scolastico Francesco Feola, infatti, aveva decretato la chiusura del plesso per domani e venerdì (24 e 25 settembre), poi l’istituto ha fatto marcia indietro: gli alunni potranno andare a scuola ma non sono garantite le lezioni che, comunque, riprenderanno lunedì prossimo.

Il motivo? Lo sciopero da parte dei sindacati Usn, Unicobaa, Cobas e Cub. Due giornate di sciopero che avrebbero portato nella scuola un solo insegnante in servizio. La scuola garantirà comunque solo la sorveglianza ma non le lezioni.

L’attività didattica del paese termale sembra non avere tregua: dopo la chiusura delle scuole di Fornoli per l’incendio e quella del 21 e 22 settembre a causa dei seggi elettorali, adesso lo sciopero.

Le lezioni riprenderanno regolarmente lunedì (28 settembre).

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.