Esce dal carcere e torna a perseguitare una donna: arrestato

Di nuovo al San Giorgio Bahara Zouheir: era stato assolto perché incapace di intendere e di volere ma ha subito minacciato una delle sue vittime

Ieri sera (28 settembre) la polizia ha arrestato nuovamente Bahara Zouheir, in esecuzione dell’ordine di carcerazione emesso dal gip Simone Silvestri.

L’uomo era uscito pochi giorni fa dal carcere, dove si trovava a seguito del danneggiamento agli uffici della questura, in quanto era stato assolto perché incapace di intendere e di volere. Nei suoi confronti, però, il giudice aveva disposto la misura di sicurezza del ricovero in una casa di cura, cosiddetta Rems, ancora in fase di individuazione da parte del magistrato di sorveglianza, perché “considerato pericoloso per sé e per gli altri”.

Appena uscito dal carcere l’uomo ha pensato bene di andare a far visita ad una delle sue vittime, una dottoressa in servizio al Serd, che l’anno scorso l’aveva denunciato per minacce e atti persecutori. Nell’occasione era già stata disposta nei confronti dell’uomo la misura cautelare del divieto di avvicinamento alla parte offesa.

Nei giorni scorsi, dopo ulteriore visita del Bahara, la dottoressa ha sporto una nuova denuncia per violazione del divieto di avvicinamento, a seguito della quale il Gip ha disposto la custodia cautelare in carcere, che è stata eseguita ieri sera dalle volanti della polizia.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.