Presa la banda che imbrattava i vagoni dei treni

Due hanno anche preso a pugni i poliziotti

Vandali dei treni finiscono nei guai a Viareggio. Una banda di writers è finita nei guai dopo un raid avvenuto nella notte tra venerdì 2 e sabato (3 ottobre) scorso. A chiamare la polizia è stato personale di Trenitalia che stava effettuando un servizio di prevenzione danneggiamenti dei treni.

Gli agenti, giunti sul luogo, hanno notato che quattro persone, evidentemente accortesi dell’arrivo della polizia, stavano fuggendo sui marciapiedi dei binari. Due di essi venivano raggiunti all’interno del sottopasso e, anziché fermarsi all’alt della polizia, hanno iniziato a colpire gli agenti con calci e pugni. In questo frangente uno dei due è riuscito a fuggire momentaneamente per poi, però, essere raggiunto e bloccato definitivamente. Gli altri fuggitivi sono stati rintracciati dal personale della radiomobile dei carabinieri, nel frattempo allertati.

I quattro giovani sono stati accompagnati presso gli uffici del Commissariato ed identificati per N. T.,35 anni; W.S. , 38 anni, M. T., 36 anni e F. P. 35 anni, tutti provenienti dalla Germania.

Accompagnati negli uffici di polizia, al termine delle formalità di rito, sono stati tutti e quattro indagati in stato di libertà per il reato di deturpamento o imbrattamento di cose altrui, mentre N. T. e W. S. anche per i reati di violenza, resistenza e lesioni a Pubblico Ufficiale. Per tutti sarà adottata, inoltre, la misura amministrativa dell’allontanamento per i cittadini comunitari.

Gli agenti intervenuti sono stati condotti al pronto soccorso dell’ospedale dove, dopo le cure del caso, sono stati dimessi con una prognosi di 7 giorni.

E’ stato verificato che i quattro tedeschi fanno parte di un noto gruppo di writers dedito esclusivamente alla vandalizzazione dei vagoni ferroviari. Nel contesto sono state rinvenute numerose bombolette spray, utilizzate dai writers.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.