Odissea per una epistassi, la denuncia di una figlia: “Dimenticano un tampone nel naso di mio padre”

La donna si è rivolta ad un otorino di fiducia: "La situazione dopo l'intervento era addirittura peggiorata"

Un’odissea per una brutta epistassi nasale, sul cui decorso – va detto – devono ancora essere fatte le verifiche del caso. Ma la denuncia della figlia di un 86enne di Lucca è precisa: la donna sostiene, infatti, che dopo l’intervento al pronto soccorso del San Luca l’otorino cui era stata indirizzata per rimuovere i tamponi che erano stati inseriti nel setto nasale del padre non si sarebbe reso conto che ce n’era uno andato in profondità e non lo avrebbe rimosso.

E’ questa la ricostruzione che la donna si è sentita fare da un privato cui si è rivolta perché, ancora dopo 20 giorni dall’accesso al pronto soccorso, il padre non mostrava segni di miglioramento: “Anzi posso dire semmai che la situazione era addirittura peggiorata: “E’ sopraggiunto – racconta la donna che ha chiesto di rimanere al momento anonima – muco giallo, un cattivissimo odoro e mal di testa molto forte che ha debilitato ancora di più mio padre”.

Tutto, sempre secondo quanto segnalato dalla figlia del pensionato – una versione su cui comunque l’Asl potrà fare luce -, era iniziato il 18 settembre: “Mio padre è entrato al pronto soccorso con una brutta epistassi nasale – racconta la donna -: viene tamponato e dimesso il giorno seguente. Al momento delle dimissioni gli viene detto di presentarsi nell’ambulatorio otorino per togliere i tamponi 4 giorni dopo e così fa. Da quel momento invece di migliorare mio padre è sempre stato peggio”, racconta la figlia che sta valutando se rivolgersi ad un legale.

“Ho deciso a quel punto di portarlo da un otorino di mia fiducia a pagamento – spiega ancora la figlia – che lo ha visitato l’8 ottobre scorso. Abbiamo così scoperto che l’otorino dell’ambulatorio del San Luca aveva dimenticato un tampone in profondità e stando nel naso la bellezza di 20 giorni era commpletamente infetto mettendo a rischio pure le meningi. Se la cosa si risolve non esporrò denuncia ma se dovessero esserci altre ripercussioni mi rivolgerò ad un avvocato. Disattenzioni del genere non dovrebbero mai accadere”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.