Angelini: “Contagi in aumento anche a Pieve Fosciana, stop comportamenti a rischio”

Lo sfogo del sindaco: "Nuove restrizioni? Necessarie per coloro che ancora oggi sono restii a rispettare quelle vigenti"

Continuano a salire i casi di coronavirus anche in Valle del Serchio. Positivi in aumento anche a Pieve Fosciana: il sindaco Angelini che ha analizzato la situazione a 360 gradi, toccando anche l’argomento scuole e quello dello sport.

Coronavirus, altri 20 casi in Valle del Serchio. Aumentano i ricoveri nelle terapie intensive

Il Covid-19 c’è e sta circolando – esordisce il primo cittadino -. Benchè la grande maggioranza dei cittadini rispetti tutte le regole previste, distanziamento, mascherina, sanificazione e pulizia frequente delle mani anche nel nostro comune il numero dei contagiati è in costante aumento con numeri mai raggiunti in passato. Stiamo aspettando nuove informazioni dal prossimo Dpcm e c’è già chi si lamenta di nuove possibili restrizioni. Saranno necessarie per coloro che ancora oggi sono restii a rispettare quelle vigenti“.

Non le scuole, a preoccupare il sindaco Angelini sono gli assembramenti e i cattivi comportamenti: “Molti pensavano che l’apertura delle scuole sarebbe stato un sicuro veicolo di contagio. Così non è stato e così non sarà. Protocolli rigidi, rispetto continuo delle regole da parte degli alunni, degli studenti e del personale scolastico impediscono la trasmissione anche da soggetti che risultano contagiati altrove. A loro va un mio personale plauso e l’invito a proseguire su questa strada. Le preoccupazioni mi derivano da assembramenti e comportamenti impropri e non rispondenti alle normative. Evitiamoli“.

Il sindaco di Pieve Fosciana esprime il proprio sostegno alle società calcistiche della Valle che chiedono la sospensione dei campionati: “Infine voglio ‘spezzare una lancia’ a sostegno di tutti quei dirigenti delle squadre di calcio dilettantistico e amatori che chiedono alle loro federazioni di sospendere i campionati, consapevole che questa attività di contatto fisico possa diventare un moltiplicatore incontrollato di contagio. Inutile, dannoso ed evitabile. Aspettiamo fiduciosi le nuove disposizioni”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.