Aggredisce due agenti mentre è in comunità: rimpatriato

Il 35enne appena scarcerato e accompagnato al Cpr di Torino

Era in affidamento in prova in una comunità ma aveva aggredito, in stato di ubriachezza, due agenti, episodio che gli era costata la revoca della misura facendolo trasferire in carcere. Nella giornata di ieri, l’Ufficio immigrazione della Questura di Lucca ha provveduto ad accompagnare al centro permanenza per il rimpatrio di Torino il 35enne di origini marocchine, appena scarcerato dalla casa circondariale di Lucca.

Il Cpr torinese ha già avviato le pratiche per l’espulsione coattiva e l’accompagnamento in Marocco con volo aereo.

L’uomo era precedentemente ospitato in una comunità di Lucca in affidamento in prova al servizio sociale ma a settembre era stato nuovamente arrestato a Viareggio perché aveva aggredito, in stato di ubriachezza, due poliziotti della volante, per cui il magistrato di sorveglianza gli aveva revocato l’affidamento in prova restringendolo in carcere.

Grazie alle sinergie create tra l’istituto penitenziario e la Polizia di Stato, è stato possibile organizzare per tempo l’accompagnamento al momento della scarcerazione.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.