Una Rsa per anziani non autosufficienti abusiva: la scoperta a Chiesina Uzzanese

I militari di Ponte Buggianese stavano effettuando controlli sulle normative anti covid: in tre nei guai

Una Rsa per anziani abusiva. A scoprirla, durante un controllo per il rispetto delle normative anti Covid, sono stati i carabinieri di Ponte Buggianese. Una situazione anomala quella verificata a Chiesina Uzzanese e, trattandosi apparentemente di una residenza sanitaria assistenziale, i militari della stazione hanno richiesto la collaborazione dei colleghi del Nas di Firenze.

La struttura, di fatto una Rsa che ospitava cinque anziani non autosufficienti, non era mai stata autorizzata,  trattandosi in realtà di un normale edificio, gestito da un italiano e due cittadine di origine rumene che sono stati denunciati anche per la mancata comunicazione all’autorità di polizia delle generalità delle persone alloggiate. I carabinieri hanno anche elevato contestazioni amministrative per 5000 euro diffidando i tre dalla prosecuzione dell’attività e richiedendo lo sgombero della struttura

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.