Entra in funzione l’autovelox di via Carlo del Prete: elevate le prime due sanzioni foto

La sede dello strumento verrà modificata ogni settimana, ma è stata avviata la richiesta alla prefettura per rendere fissi i rilevatori

Il nuovo autovelox installato sulla circonvallazione è entrato in funzione oggi (28 ottobre), in via Carlo del Prete. In questi giorni era stata segnalata la realizzazione di quattro box per autovelox sulle strade intorno alle mura.

Lo strumento di misurazione della velocità, verrà poi cambiato di sede ogni settimana inserendolo negli appositi box. La scelta dei luoghi di installazione dei box, nonostante le polemiche, è stata ben ponderata, tenendo presente le statistiche sulla circolazione dei mezzi.

“Oggi abbiamo fatto il primo servizio in via Carlo del Prete – commenta Maurizio Prina, comandante della Polizia Municipale di Lucca – Siamo stati sul postoo approssimativamente dalle 8,30 alle 12,30. Nel primo giorno di attività annoveriamo nel bilancio due multe. In un’occasione il veicolo sanzionato aveva una velocità di 61 chilometri orari, il secondo di 67 chilometri orari. La sanzione scatta per la violazione dell’articolo 142 del codice della strada, comma 7 e 8. Il primo, che ha una velocità di 61 chilometri orari, ha una multa più lieve, stabilita dal comma 7, in cui la velocità del veicolo supera il limite di non oltre i 10 chilometri orari, con una pena pecuniaria intorno ai 42-43 euro. Il secondo veicolo che procedeva alla velocità di 67 chilometri orari, rientra nel comma 8 dell’articolo 142 e la pena prevista è una multa intorno ai 160 euro”.

La posizione dei vari box in una strada con un intenso flusso di traffico ha suscitato l’ira di molti automobilisti, con la paura di essere tra le vittime del nuovo strumento. “La scelta di installare i box autovelox in quei punti della circonvallazione è dovuta alle statistiche sull’intenso flusso di traffico, agli incidenti stradali che si sono verificati nel tempo eccetera – precisa il comandante dei vigili di Lucca – Al momento intorno alle mura sono stati installati quattro box per autovelox e l’apparecchio viene girato in maniera casuale al loro interno, con la presenza sul posto degli agenti”.

C’è qualche prospettiva futura, per rendere più agevole il lavoro degli agenti di polizia municipale?
“Con un’istanza spedita in giornata – conclude il comandante Prina – abbiamo chiesto al prefetto di avere l’autorizzazione di mettere l’autovelox in modalità fissa, senza la presenza del personale. In quel modo gli agenti potranno essere spostati su altri servizi”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.