Controlli della Polfer in stazione, due denunce a Viareggio

Un giovane è stato trovato con arnesi da scasso, l'altro era inottemperante all'ordine di lasciare l'Italia

Controlli in stazione: due denunciati dalla Polfer di Viareggio.

Gli agenti hanno rintracciato alla stazione un 53enne originario della Tunisia, inottemperante all’ordine del questore di Livorno a lasciare l’Italia, e un 24enne che, trovato con arnesi da scasso, alla vista della polizia ha tentato di eludere il controllo.

Nell’ambito dell’operazione ad alto impatto, la Polfer, in Toscana, ha controllato oltre 400 persone e ispezionato decine i bagagli.

In particolare, nella giornata di ieri, gli agenti della Polfer sono stati contattati da una madre, circa la possibile presenza in stazione della figlia 30enne, destinataria di una misura restrittiva, intenta a raggiungere Latina con il treno. I poliziotti, dopo aver acquisito la foto della giovane, l’hanno rintracciata all’interno dello scalo ferroviario, in stato di alterazione. Dopo averla tranquillizzata, gli agenti l’hanno affidata alle cure del personale medico sanitario.

Sempre ieri, una pattuglia della Polfer, in servizio di vigilanza a bordo treno, su richiesta di personale dello Stabilimento chimico farmaceutico militare di Firenze ha effettuato, in collaborazione con personale Italo e della Polfer di Napoli, una vera e propria staffetta per consegnare ad una donna residente nel capoluogo campano, un farmaco salvavita per le malattie rare, prodotto in tutta Italia solo a Firenze.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.