Quantcast

Controlli al bar Monica, la polizia municipale: “Insulti sessisti e spintoni alle vigilesse in servizio”

La versione del Comune dopo i momenti di tensione ieri sera in Corso Garibaldi: "Episodio gravissimo"

Controlli al Caffè Monica, arriva la versione della polizia municipale. Dopo la tensione di ieri sera (7 novembre) la ricostruzione del Comune di Lucca sui fatti accaduti intorno alle 17,30 al noto locale cittadino.

Nuovo controllo al bar Monica: “Un accanimento contro di noi”

Puttane – troie – queste sono da scopare – si legge nella nota proveniente da Palazzo Orsetti e poi spintoni tanto da far volare un cappello di servizio. È questa l’accoglienza riservata intorno alle 17,30 di ieri a quattro vigilesse in turno di servizio intervenute al Caffè Monica di via Vittorio Veneto su richiesta della sala operativa della questura di Lucca, perché troppe persone sedevano agli stessi tavoli”.

“Inizialmente – prosegue la nota – le due agenti inviate sul posto hanno trovato un tavolo con 12 persone assieme, gruppi di 6 ad altri tavoli e una condizione generale tale da non permettere di rispettare il distanziamento di sicurezza, non solo in violazione delle norme degli ultimi decreti del presidente del Consiglio, ma senza il minimo buon senso, in una situazione generale che deve vedere l’impegno di tutti nel limitare i rischi di contagio. L’intento delle agenti – seguendo le direttive generali concordate con le forze dell’ordine e prefettura – non era certo quello di farsi avanti a verbali e sanzioni ma semplicemente attività di prevenzione e informazione, ossia invitare le persone al rispetto delle distanze interpersonali di sicurezza, cercando di non impattare sull’attività del locale. Ma il comportamento del titolare del Bar Monica, invece di invitare gli avventori a smorzare i toni e ad adeguarsi alle richieste, ha aggravato e reso notevolmente tesa la situazione”.

“Il clima è degenerato – conclude il Comune – ed è stato necessario l’intervento di una seconda pattuglia di agenti di polizia municipale, compresa l’ispettrice di turno, all’arrivo delle quali altre persone si sono aggiunte con nuovi ed ulteriori insulti sessisti e ulteriori frasi oltraggiose: Adesso scopiamo anche queste. Nella concitazione ad una delle vigilesse è stata lievemente colpita facendole volare via il berretto della divisa. La situazione si è placata solo all’arrivo della pattuglia della questura e con la chiusura del locale alle 18. Sono tuttora in corso accertamenti per l’identificazione e la valutazione delle posizioni dei responsabili di questo gravissimo episodio”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.