Protesta contro le chiusure, commercianti e cittadini di nuovo in piazza fotogallery

Slogan e striscioni contro il governo. Appello a comprare nei piccoli negozi

Circa 150 persone sono tornate in piazza Napoleone oggi pomeriggio (14 novembre) per protestare contro le chiusure del governo alle attività commerciali e imprenditoriali per frenare il dilagare dei contagi da coronavirus.

Commercianti, per la maggior parte, ma anche dipendenti e cittadini comuni, sono tornati a far sentire la loro voce di protesta che si è rivolta principalmente al governo nazionale e agli enti locali. I più arrabbiati, inevitabilmente, sono gli imprenditori del settore turistico, costretti in pratica all’inattività totale. La richiesta, da molti, è quella di maggiore unità nella protesta per rivendicare sovranità e libertà: “Il governo – è uno dei mantra del pomeriggio – ha le sue responsabilità per la situazione attuale perché non ha potenziato il settore sanitario in vista della seconda ondata di contagi”.

Fra gli altri parla Filippo Giambastiani, commerciante lucchese nel settore della ristorazione, che contesta la ricostruzione allarmistica della diffusione del virus e fa un appello accorato a concentrare i propri acquisti nei piccoli negozi per sostenerli.

Ad accompagnare la protesta anche i consueti striscioni: Non moriremo un Dpcm alla volta e Il lavoro è un diritto.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Davide Suraci
    Scritto da Davide Suraci

    Il signor Filippo Giambastiani ha espresso un punto di vista molto interessante sulla ricostruzione allarmistica della diffusione del virus. Inusuale a Lucca di questi tempi. Se questa posizione per cui si richiede chiarezza venisse ampiamente condivisa dalle persone consapevoli e responsabili, ciò potrebbe aprire uno spiraglio di luce in questa deprecabile situazione. Pensateci bene, partite IVA.. state immolate le attività produttive e civili di una provincia ricchissima.