Covid19, aspetta da due settimane l’esito del tampone

Lo sfogo di un padre: "Nessuno risponde alle mail o al telefono"

Dal 3 novembre attendono il tampone per capire se sono guariti dal coronavirus. Una famiglia intera è ostaggio dei ritardi nell’elaborazione degli esiti del test. Un caso che si somma a tanti altri avvenuti nelle ultime settimane, quello raccontato da Valter, un padre di Lucca che lo scorso 23 ottobre, insieme a tutta la sua famiglia, è risultato positivo al coronavirus.

Come lui stesso racconta la famiglia “ha ripetuto il tampone e il 3 novembre e ancora non ho il risultato mio e quello delle mie bambine è arrivato la scorsa settimana. Sono settimane che chiamo che scrivo mail e ancora non ho ottenuto niente. Il dottore di famiglia non mi risponde nemmeno non so cosa fare vorrei tornare al lavoro”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.