Il dj Stefano Noto ricoverato al Versilia nel reparto Covid: “Sono vivo per miracolo”

L'ex patron del Frau: "Con il Coronavirus non si scherza e chi la prende alla leggera deve capire che non è una sciocchezza"

“Sono vivo per miracolo”. La testimonianza arriva da Stefano Noto,  ricoverato all’ospedale Versilia nel reparto Covid.

E’ lui stesso a postare sul suo profilo Facebook le immagini che lo ritraggono attaccato all’ossigeno in una camera del nosocomio di Lido di Camaiore. Tanti i messaggi degli amici che gli augurano una pronta guarigione.

“Con oggi (23 novembre) sono 24 giorni che sono in ospedale – spiega al telefono a Lucca in Diretta -. Il virus esiste ed è molto serio e pericoloso”.

Il famoso dj, ed ex patron del Frau sulla Marina di Torre del Lago se l’è vista brutta e lancia un appello: “Con il coronavirus non si scherza – afferma -, e chi la prende alla leggera deve capire che non è una sciocchezza”.

“Voglio esssere un esempio del mondo della notte – aggiunge – e dimostrare che nonostante i locali siano chiusi dallo scorso agosto, il virus, io, l’ho preso un mese fa”. Dove, non ne è certo, anche se sospetta di essersi contagiato a una cena.

Poi un ringraziamento verso il personale del Versilia:Dottori, infermieri e oss sono persone speciali, veri angeli, per dedizione -, ogni giorno ci sono perdite ma anche guarigioni”

“Fatevi tutti il tampone – raccomanda –  grandi e piccoli, e non sottovalutate il Covid 19”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.