Le rubriche di Lucca in Diretta - in Regione

Beccati a Carrara durante il coprifuoco su un’auto rubata e senza assicurazione

I due, entrambi della Spezia, sono stati denunciati anche per le norme Covid

Nonostante il coprifuoco, erano in giro, per di più su un’auto rubata e senza assicurazione.

Come se non bastasse, l’uomo alla guida, sprovvisto di documenti, si è presentato con un nome falso in quanto la patente gli era stata ritirata la settimana precedente per guida in stato di ebbrezza.

I due a bordo della vettura, intercettati dai carabinieri di Massa Carrara, sono stati denunciati per ricettazione in concorso, mentre il conducente dovrà rispondere anche del reato di false generalità a pubblico ufficiale.

I protagonisti della vicenda sono due amici di 37 e 27 anni che abitano in provincia di La Spezia, già multati altre volte durante il lockdown per aver violato le misure anti Covid. Tra l’altro, il più giovane, spiega l’Arma apuana, ha alle spalle un curriculum di tutto rispetto, con moltissime denunce a suo carico per reati in materia di stupefacenti e contro il patrimonio, compresi vari furti in spiaggia commessi a Marina di Carrara l’estate scorsa. Per questo motivo, quando i carabinieri hanno riconosciuto i due che viaggiavano su quell’auto, hanno subito ipotizzato che fossero in giro a far danni, perciò hanno approfondito il controllo, tenuto conto delle giustificazioni addotte, tutt’altro che convincenti.

I militari dell’Arma hanno quindi scoperto che quell’autovettura, intestata ad un 42enne che abita a Massa, risultava sprovvista di assicurazione. Inoltre, alla richiesta dei carabinieri di esibire la patente di guida, il 37enne alla guida, un incensurato di origini meridionali, ha dichiarato di averla dimenticata a casa, fornendo delle generalità che da immediati accertamenti, sono risultate false. Quando è stato identificato con il suo vero nome, è emerso infatti che la notte di Santo Stefano, fermato alla guida di un’altra autovettura insieme allo stesso amico, era stato denunciato per guida in stato di ebrezza, di conseguenza la patente gli era stata ritirata.

Dopo aver accompagnato i due in caserma a Carrara, i militari dell’Arma hanno contattato il proprietario del veicolo, che ricevuta la notizia di ciò che stava accadendo è caduto dalle nuvole e si è precipitato sul posto. L’uomo, ha raccontato di aver comprato quell’autovettura di seconda mano e di averla lasciata all’interno di un capannone che si trova a Castelnuovo Magra, perché necessitava di alcuni lavori di manutenzione, motivo per cui non aveva nemmeno riattivato l’assicurazione. Per di più, ha precisato di averla vista l’ultima volta prima di capodanno, regolarmente parcheggiata al suo posto, perciò sicuramente gli era stata rubata in questi ultimi giorni. Restituita la macchina al proprietario, è scattata per i due fermati la denuncia per ricettazione in concorso, nonché la multa di 533 euro a testa per aver violato le restrizioni Covid, mentre il 37enne è stato denunciato anche per false generalità a pubblico ufficiale, inoltre gli toccherà pagare una maxi multa che sarà decisa dalla prefettura per aver guidato con la patente ritirata.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.