Peculato e abuso d’ufficio, Oreste Giurlani condannato a 6 anni e 7 mesi

Il sindaco di Pescia già primo cittadino di Fabbriche di Vallico rischia la sospensione dall'incarico: i fatti risalgono al suo ruolo di presidente Uncem Toscana

Il sindaco di Pescia, già primo cittadino di Fabbriche di Vallico, Oreste Giurlani, è stato condannato a 6 anni e 7 mesi di reclusione dal tribunale di Firenze per i reati di peculato e abuso d’ufficio nel processo che lo vedeva imputato in qualità di ex presidente di Uncem Toscana.

Disposta nei suoi confronti anche l‘interdizione perpetua dai pubblici uffici, la confisca di beni per un valore di 580mila euro e la trasmissione della sentenza al prefetto di Pistoia, affinché valuti un’eventuale sospensione dall’incarico di sindaco.

Giurlani è stato invece assolto “perché il fatto non sussiste” dall’accusa di traffico di influenze.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.