Folla e balli in piazza, scatta anche un esposto alla procura

Il Condacons chiede alla magistratura di fare luce: "Chi era in strada ha messo a rischio tutti"

Finisce in Procura il caso degli assembramenti registrati ieri (8 gennaio) a Lucca, dove centinaia di giovani si sono accalcati davanti ai locali del centro dando vita a balli in strada senza indossare la mascherina e violando deliberatamente le disposizioni anti-Covid.

“Quanto accaduto ieri è un vero e proprio attentato contro la salute pubblica – afferma il presidente Carlo Rienzi – Chi ha preso parte agli assembramenti ha vanificato gli sforzi fatti finora dai cittadini per limitare la diffusione del Covid, e ha deliberatamente commesso un reato, per il quale ora deve essere penalmente perseguito”.

Per tale motivo il Codacons annuncia un esposto alla Procura della Repubblica di Lucca chiedendo di identificare tutti i giovani che ieri hanno preso parte agli assembramenti in centro, e provvedere non solo ad elevare alle dovute sanzioni previste dai Dpcm sul Covid, ma anche ad indagare i responsabili per il reato di concorso in epidemia colposa.

L’associazione chiederà inoltre alla magistratura di “verificare anche le responsabilità di istituzioni locali e forze dell’ordine, per capire come sia stato possibile organizzare una maxi-discoteca in centro sotto gli occhi di tutti”.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.