I gestori dei locali: “Costretti a chiuderci dentro, la situazione è sfuggita al controllo”

I titolari dei pub stigmatizzano l'accaduto: "Abbiamo anche chiesto di spegnere la musica ma siamo stati ignorati"

Prendono le distanze da quanto accaduto ieri sera (8 gennaio) i gestori dei locali di Porta dei Borghi.

Anche Confcommercio rompe il silenzio condannando l’accaduto. “Un episodio – si legge in una nota – che sta facendo purtroppo parlare di sé, ma di conseguenza anche della città di Lucca, in tutta Italia. Nello stigmatizzare con forza l’accaduto, ringraziamo le forze dell’ordine che, stando a quanto diramato dal Comune, ha già individuato i giovani responsabili di quel caos”.

“Al tempo stesso – prosegue Confcommercio – sottolineiamo con forza la totale estraneità ai fatti contestati da parte dei gestori dei locali di Porta dei Borghi, il cui comportamento esemplare è stato già rimarcato sia dal Comune stesso che dal sindaco Alessandro Tambellini in persona, che ne hanno elogiato la immediata presa di distanza dal comportamento di loro molti avventori”. “Gestori – insiste Confcommercio – che, preme ribadirlo, sono i primi ad essere danneggiati da quanto accaduto. Al di là dell’effetto mediatico e del danno d’immagine, i locali in questione si sono visti costretti venerdì sera ad interrompere in anticipo il servizio di vendita per asporto loro consentito, proprio a causa del caos creatosi all’esterno dei rispettivi locali. Oltre al danno la beffa, insomma”. “La nostra associazione – conclude la nota – ha chiesto un incontro in tempi rapidi al Prefetto di Lucca, durante il quale chiederà controlli che consentano a tutti gli imprenditori di poter lavorare serenamente.

“Sembrava una sera come tutte le altre – raccontano Giovanni Massei, titolare de Il Bardo; Martino Tonetti, titolare del Ciclo Divino e Michele e Matteo Sargenti, titolari della Birreria De Cerveza -: abbiamo aperto con molta tranquillità e svolto il nostro lavoro come sempre. Poco prima delle 18, come da normativa vigente, abbiamo invitato cortesemente i clienti seduti ai tavolini ad alzarsi e a liberarli. Mentre stavamo continuando a lavorare con il servizio di vendita da asporto, verso le 19,30 hanno cominciato ad arrivare nuove persone. Ragazzi molto giovani, di età compresa fra i 20 e 22 anni, di un target che non è quello classico dei nostri locali. E difatti c’erano anche tante facce nuove, mai viste prima. Fra loro, anche qualche soggetto esagitato. Poco dopo è partita musica sparata a tutto volume. Noi usciti per invitare questi ragazzi a spegnere la musica per ovvie ragioni normative e di buonsenso, ricevendo in cambio risposte strafottenti. ‘Facciamo quello che ci pare’, ha detto uno. A quel punto abbiamo deciso di chiamare le forze dell’ordine, che dopo essersi organizzate attorno alle 21,20 sono intervenute disperdendo la folla”.

“Sono stati momenti complicati – aggiungono i 4 imprenditori -: abbiamo intanto interrotto anche  di comune accordo il servizio di vendita  da asporto poco dopo le 20 e ci siamo trovati costretti a chiuderci nei nostri locali, tanta era la confusione. Fuori nella piazza ci saranno state almeno 200 persone. Abbiamo provato a coordinarci anche telefonicamente fra di noi per capire come agire, ma in quei momenti di caos assoluto era impossibile muoversi. Una situazione così non ci era mai capitata. Quando finalmente la folla è stata dispersa siamo usciti dai nostri locali e abbiamo iniziato a ripulire la piazza da tutti i rifiuti lasciati a terra. Abbiamo trovato bottiglie di vetro di birra familiari, cartoni di vino e molto altro che non si trova in vendita nei nostri locali. Questi ragazzi si sono portati le bevande da casa e ciò dimostra che ci fosse una regia organizzativa ben precisa dietro all’accaduto” “Da parte nostra – concludono gli imprenditori – c’è tanta amarezza: in un momento in cui tutti i cittadini compiono sacrifici, gesti come questo rischiano di vanificare tutto. Abbiamo provato a fare quanto era in nostro potere, ma la situazione per lunghi minuti è stata davvero fuori controllo”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.