Quantcast

Barsanti (Difendere Lucca): “Fondazione Cassa di Risparmio è diventata la stampella del Pd”

Il consigliere comunale critica le scelte dell'ente di San Micheletto e anche di parte dell'opposizione sul tema dell'ex manifattura

“Una Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca politicizzata”. Lo pensa il consigliere di Difendere Lucca, Fabio Barsanti, secondo cui “la partecipazione attiva all’organizzazione del convegno sulla ‘rigenerazione urbana’ promosso dalla Regione è la riprova di quanto vi sia ormai piena convergenza di interessi tra il Pd lucchese e la Fondazione”. “Da mesi evidenzio – aggiunge –  come l’attuale gestione dell’ente sia divenuta la stampella del Pd”.

Un convegno organizzato dalla Regione Toscana a trazione Pd, in un luogo della Fondazione – attacca Barsanti in una nota – con tutti i vertici del partito e il presidente della Fondazione stessa. Un incontro al quale parteciperà anche un senatore, l’onorevole Marcucci, ma al quale non sono stati invitati gli altri parlamentari del territorio non del Pd, nemmeno quelli dei 5 Stelle. Dunque una passerella per il partito lucchese, fatta parlando di un tema dove centrale sarà l’esito della ex Manifattura sulla quale, guarda caso, la Fondazione ha un interesse consistente attraverso gli immobiliaristi milanesi di Coima. Verrebbe da pensare, tra l’altro, a un evento confezionato appositamente per tirare la volata per la candidatura a sindaco di Stefano Baccelli”.

“Saluto con estremo piacere la posizione presa dal senatore Mallegni, che parla di ‘sistema di potere da scardinare’ – continua il consigliere di opposizione – mentre a lasciare interdetti sono sia l’arroganza della risposta dell’assessore regionale Baccelli, sia la replica della stessa Fondazione, che cerca di giustificarsi con scarso successo. L’ente di San Micheletto non ha offerto soltanto i locali, come dichiarano nella replica, ma ha altresì inserito il proprio logo sull’organizzazione dell’evento. Una politicizzazione che non deve e non può stupire: ricordo come il sottoscritto avesse già evidenziato questo aspetto durante l’organizzazione delle Serate in San Francesco di qualche mese fa e dello scorso anno, quando a parlare di immigrazione e di futuro sono stati chiamati quasi esclusivamente autori o giornalisti di parte, legati al mondo della cultura globalista e finanziaria di cui il Pd è la maggiore espressione politica”.

“In questo quadro rimane l’interrogativo sulle posizioni dei consiglieri comunali di Fdi e gruppo misto – prosegue la nota – totalmente appiattite proprio a favore dell’attuale gestione della Fondazione palesemente schierata col Pd, smentite in parte dalle dichiarazioni del consigliere regionale Fantozzi. Vorrei ricordare che quelli da loro definiti alcuni giorni fa ‘tecnici improvvisati’, sono coloro che hanno smontato pezzo per pezzo, assieme a una parte dell’opposizione, entrambe le proposte di Coima sulla Manifattura e hanno dimostrato come, se avessimo dato retta a chi era favorevole a prescindere addirittura alla prima proposta – conclude Barsanti – i lucchesi e lo stesso Comune avrebbero preso una fregatura gigantesca”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.