Le rubriche di Lucca in Diretta - in Regione

Maxi evasione nel trasporto merci, sequestri anche a Lucca

Per l'accusa gli imprenditori finiti nel mirino avevano emesso fatture false per 75 milioni

Una maxi evasione da 14 milioni di euro e un giro di fatture false nel settore dei trasporti di merci, per circa 75 milioni di euro. Un raggiro scoperto dai militari della guardia di finanza di Finanza di Firenze che ha portato ad un maxi sequestro da 14 milioni, che ha toccato anche la provincia di Lucca.

Il provvedimento stato firmato dal gip del tribunale fiorentino Agnese Di Girolamo, su richiesta della procura di Firenze diretta da Giuseppe Creazzo, nei confronti di due società e due persone fisiche.

L’attività d’indagine, svolta dal secondo nucleo operativo metropolitano di Firenze ha permesso di ricostruire un articolato sistema di frode all’Iva nel settore del trasporto di merci su strada, strutturato su una società dell’hinterland fiorentino che effettuava trasporti sul territorio nazionale e all’estero, commissionati anche da importanti aziende nazionali e internazionali, estranee ai fatti.

Nell’ultimo quinquennio, stando all’accusa, la società di capitali ha subappaltato a due società cooperative, create per poi essere gestite da prestanome, i trasporti commissionati. Le cooperative offrivano alla società le prestazioni di trasporto senza margini di guadagno e oltre a non saldare i debiti maturati nei confronti dell’Erario, hanno emesso fatture false per 75 milioni di euro, azzerando così il reddito imponibile e il debito Iva della stessa.

Su richiesta della Procura della Repubblica di Firenze, il giudice per le indagini preliminari ha emesso il decreto di sequestro per un importo di 14 milioni di euro, pari a tutta l’Iva evasa.

Le operazioni di sequestro sono state condotte nelle provincie di Firenze, Lucca, Pistoia, Brescia, Piacenza, Trento, Pavia e Agrigento, grazie anche alla collaborazione dei Reparti del Corpo territorialmente competenti. All’esito, sono stati cautelati 23 conti correnti e 33 rapporti finanziari per un saldo attivo di 6,5 milioni di euro nonché 5 immobili, quote societarie e 39 tra autoarticolati e veicoli per un ulteriore valore di circa 1,5 milioni di euro.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.