Sorpreso durante il coprifuoco in via Roma rifiuta di farsi identificare e dichiara di aver ucciso un gatto

L'uomo è stato denunciato dalla polizia municipale nonostante le assurde giustificazioni

Nel corso dei controlli notturni disposti dalla questura di Lucca, lo scorso fine settimana, gli agenti della polizia municipale hanno fermato, dopo al mezzanotte, un soggetto che stava passeggiando in via Roma, in orario di ‘coprifuoco’ nonostante i divieti dei decreti Covid.

Dopo vari rifiuti a esibire documenti, alla reiterata richiesta di declinare le proprie generalità si è presentato come Paolo Rossi. Nel proseguimento degli accertamenti, condotto alla centrale operativa, ha finito per per esibire la patente di guida, facendo così emergere la reale identità: è nato a Pisa e residente nella periferia di Lucca.

Tra le varie assurde giustificazioni addotte sulla sua presenza nel centro storico di Lucca in violazione delle norme anti pandemia, le due principali sono state l’aver ucciso un gatto nella mattina precedente e la convinzione di non essere assoggettabile ad alcuna limitazione nel viaggiare in auto poiché tutelato dalla Costituzione.

L’uomo dopo la formale identificazione è stato denunciato all’autorità giudiziaria.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.