Quantcast

Lupo morto avvelenato nel pistoiese: i forestali a caccia di bocconi letali foto

Lapa, pastore belga, e Mora, labrador, hanno setacciato la zona

Carabinieri di Pistoia a caccia di bracconieri.

Il bracconaggio è di già di per sé un atto illecito molto grave ma quando questo viene messo in atto attraverso il rilascio nell’ambiente di bocconi avvelenati, i danni possono essere imprevedibili.

L’esca tossica può essere infatti ingerita da animali appartenenti alle specie più disparate, dal nostro cane o gatto domestico, da una specie cacciabile come la volpe o da una specie particolarmente protetta come il lupo.

Ed è proprio quest’ultimo caso quello che si è verificato recentemente non molto distante da Pescia: un giovane esemplare di lupo (Canis lupus) è stato rinvenuto morto senza segni di lesioni esterne.

L’autopsia praticata presso il dipartimento di scienze mediche veterinarie di Bologna e le successive analisi tossicologiche hanno evidenziato come la morte sia intervenuta per avvelenamento. Il prodotto utilizzato, tipicamente impiegato come un topicida, ha verosimilmente provocato una lenta e dolorosa agonia dell’animale il quale è stato trovato emaciato e con lo stomaco completamente vuoto.

Al fine di evitare che altri animali, selvatici ma anche domestici, possano subire la stessa sorte, stamattina (4 febbraio) è intervenuto sul posto il nucleo cinofilo antiveleno dei carabinieri forestali, il quale ha effettuato una perlustrazione dell’area alla ricerca di altri bocconi avvelenati eventualmente presenti.

Lapa, il pastore belga, e Mora, il labrador, sono le specialiste che, condotte dall’appuntato scelto Simona del reparto biodiversità di Follonica, hanno setacciato la zona forti delle capacità di riconoscere col fiuto le più disparate categorie di veleni maggiormente utilizzati, capacità sviluppate a seguito di un lungo e specifico addestramento basato sul gioco/premio.

Al di là dei più gravi aspetti criminosi di chi mira ad uccidere intenzionalmente animali d’affezione o protetti, l’Arma ricorda che l’ordinanza del ministero della salute del 10 agosto 2020 vieta le operazioni di derattizzazione e disinfestazione che non siano “eseguite da imprese specializzate e senza l’impiego di prodotti autorizzati con modalità tali da non nuocere in alcun modo alle persone e alle altre specie animali non bersaglio a pena di incorrere nel reato di inosservanza dei provvedimenti dell’Autorità, come recita l’articolo 650 del codice penale

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.