Furti nelle auto in sosta anche in Versilia, cinque in manette

Colpivano in parcheggi di luoghi frequentati da avventori occasionali: blitz nei campi nomadi di Pontelungo ed Empoli

Furti nelle auto in sosta, sgominata la banda.

carabinieri notte

I carabinieri della compagnia di Pistoia hanno portato a termine un’operazione iniziata nel luglio dell’anno scorso e che ha consentito ai militari di smantellare un sodalizio criminale ritenuto dedito ai furti su autovettura e all’arresto di 5 persone, di cui tre residenti nel campo nomadi pistoiese di Pontelungo e due al campo nomadi di Empoli.

Nel corso dell’operazione i carabinieri hanno dato secuzione ai provvedimenti richiesti dalla procura, ovvero a 5 ordinanze di custodia cautelare di cui 3 in carcere e 2 agli arresti domiciliari, procedendo contemporaneamente a 8 perquisizioni nel corso delle quali sono stati rinvenuti strumenti da lavoro, abbigliamento e pelletteria di lusso nonché vari cellulari.

Le indagini, dirette e coordinate dalla procura di Pistoia, erano iniziate a seguito di una denuncia per furto su autovettura presentata nel luglio 2020 da un cittadino di Montale ai carabinieri del locale comando stazione. L’uomo, che si era recato per una passeggiata tra i boschi di Tobbiana, aveva lasciato l’auto parcheggiata lungo la strada. Al rientro dalla camminata l’amara sorpresa: il finestrino anteriore sinistro del suv in frantumi e il suo portafogli sparito.

Ricevuta la denuncia poche ore dal fatto, i carabinieri hanno avviato subito alcuni accertamenti alla ricerca di elementi utili per individuare gli autori del reato. In particolare i militari, ripercorrendo la strada verosimilmente utilizzata per raggiungere Tobbiana da Montale, hanno individuato una telecamera privata che inquadrava parzialmente una porzione di strada.

Acquisite le immagini e analizzate le stesse negli orari maggiormente compatibili con quelli della commissione del furto, è stato notato il passaggio di una macchina già conosciuta ai carabinieri per pregresse indagini sempre relative a furti. Dalle immagini era cosi possibile estrapolare il numero di targa del veicolo, risultato in uso agli indagati, ma non solo: dai fotogrammi analizzati è stato infatti possibile stabilire che all’interno del veicolo c’erano due persone e che in particolare, il passeggero, immortalato con il braccio destro fuori dal finestrino, aveva un vistoso e caratteristico tatuaggio.

Sulla base dei primi accertamenti il sostituto procuratore incaricato ha disposto l’avvio delle attività di intercettazione telefonica e localizzazione nei confronti degli arrestati, indagini dalle quale è emersa l’esistenza di un sistema ben collaudato da parte del gruppo criminale che, con cadenza pressoché giornaliera, colpiva nell’area collinare e montuosa della provincia di Pistoia: aree di sosta, parcheggi di B&B e ristoranti, questi alcuni degli obiettivi preferiti dal gruppo che approfittando della bella stagione che ha portato numerosi cittadini a passeggiare per i sentieri boschivi del territorio pistoiese, colpiva le auto parcheggiate e incustodite saccheggiando con azioni fulminee di pochissimi minuti tutto quello che trovavano all’interno: portafogli, borse, computer, telefoni, talvolta gioielli, attrezzi agricoli e industriali eccetera

L’attività si è estesa in seguito a tutto il territorio pistoiese, con particolare riguardo ai parcheggi di cimiteri e chiese.

Le “girate”, termine con cui gli indagati si riferivano alla loro attività vedevano un ulteriore espansione del raggio d’azione nei giorni festivi verso il litorale toscano e le località balneari frequentate da famiglie, compresa la Versilia, per trascorrere una giornata al mare. Gli indagati raggiungevano i loro obiettivi sempre percorrendo con scaltrezza strade secondarie e poco trafficate per evitare di incappare nei controlli delle forze dell’ordine.

Nel corso delle indagini, grazie alle intercettazioni telefoniche e localizzazioni gps, analisi di filmati e pedinamenti, i carabinieri della stazione di Montale sono riusciti a ricostruire oltre 30 episodi di furto tutti riconducibili al medesimo gruppo.

Gli oggetti rubati, venivano poi ricettati e illecitamente venduti tramite altri soggetti, che sono stati denunciati.

Nel corso dell’indagine è emersa anche una situazione particolarmente allarmante: nel mese di agosto è scoppiato un violento litigio tra alcune donne residenti nel campo nomadi di Pontelungo con reciproci scambi di offese e minacce. L’evento apparentemente di poco conto, è degenerato rapidamente nei giorni successivi allargandosi alle famiglie delle donne e ai loro parenti residenti in altri campi nomadi. Uno degli indagati, in previsione della resa dei conti, era riuscito a procurarsi una pistola calibro 7,65. Nel corso di una delle conversazioni captate era possibile udire le istruzioni impartite sull’utilizzo dell’arma da fuoco dal “fornitore”.

Fortunatamente la nascente faida si è risolta senza azioni violente e l’arma è stata recuperata dai carabinieri nel corso di alcune perquisizioni dagli stessi effettuate e che hanno portato all’arresto in flagranza di un 44enne di origini campane, già conosciuto alle forze dell’ordine, che aveva appunto messo a disposizione degli indagati una pistola Jager Ap 74, risultata provento di un furto ad Agliana nel 2013, completa di caricatore e proiettili.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.