Raid di furti nelle auto a Prato: due in manette

I giovani hanno seminato il panico in città prima nel centro storico e poi in zona stazione

Nella nottata trascorsa due giovani italiani di Castiglion de’ Pepoli, dell’età di 19 e 29 anni, hanno seminato il panico in città prima nel centro storico, poi nel perimetro della stazione ferroviaria di Prato.

Il loro obiettivo era quello di rubare all’interno delle auto parcheggiate, dopo la frantumazione dei vetri per accedere negli abitacoli, con l’inevitabile cornice sonora degli allarmi che scattavano in continuazione e le telefonate che tempestavano il centralino dei carabinieri.

Immediata è stata l’attivazione degli uomini del comando provinciale di Prato che si sono messi sulle loro tracce attraverso un’azione combinata di ricerca effettuata dalle pattuglie della sezione radiomobile e della stazione di Jolo, coordinate dalla centrale operativa che grazie anche alla visione in diretta delle immagini provenienti dalle telecamere di sorveglianza del circuito cittadino, individuava da remoto i due sospettati mentre transitavano in piazza Europa.

Proprio in quella zona sono state fatte convergere le pattuglie che hanno rintracciato e fermato i due ladri con ancora indosso la refurtiva sottratta da una delle auto prese di mira poco prima in via della Direttissima.

Nelle frenetica ricerca di obiettivi da derubare i due, lasciato il centro cittadino, avevano infatti ingaggiato anche il perimetro della stazione ferroviaria e qui avevano spaccato i vetri di cinque veicoli sottraendo da una di esse un paio di costosi occhiali di marca, ma non trovando nulla di appetibile nelle altre macchine.

Proprio il riconoscimento della refurtiva successivamente effettuato da uno dei proprietari, nonché le denunce delle altri parti offese, hanno completato il quadro probatorio nei confronti dei due che sono stati arrestati con l’accusa di furto e danneggiamento aggravato. I due sono stati giudicati oggi stesso con rito per direttissima.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.