Tratta degli esseri umani dall’Ungheria, revocato il permesso di soggiorno a un 40enne

L'uomo era stato arrestato diverso tempo fa dalla squadra mobile di Lucca

Era stato arrestato per tratta di esseri umani dall’Ungheria, trovato nel suo nascondiglio lucchese dalla polizia, e ora gli è stato revocato anche il permesso di soggiorno.

A seguito dell’esecuzione di un mandato di arresto europeo a carico di un uomo di 40 anni di origine cingalese, titolare in Italia di carta di soggiorno, processato per tratta di esseri umani dall’Ungheria, l’Ufficio immigrazione della Questura ha revocato all’uomo il permesso di soggiorno.

L’arresto è avvenuto diverso tempo fa da parte della Squadra Mobile, su mandato dell’Ungheria.
Successivamente, a seguito dell’evoluzione del procedimento, è stato possibile procedere alla revoca del permesso, per impedire all’uomo di rientrare in Italia quando finirà di scontare la pena.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.