Quantcast

Le rubriche di Lucca in Diretta - in Regione

Covid, tutta la provincia di Pistoia zona rossa fino al 7 marzo

L'annuncio del sindaco Alessandro Tomasi dopo la riunione con Eugenio Giani

E’ ufficiale: tutta la provincia di Pistoia diventerà zona rossa da sabato (27 febbraio).

Lo rende noto sulla sua pagina Facebook il sindaco Alessandro Tomasi dopo una riunione con il presidente della Regione Eugenio Giani, con cui, sentita la Asl, è stata concordata questa misura a livello provinciale.

“Dai dati – spiega il primo cittadino – ci sono Comuni con un’incidenza di casi particolarmente alta. Lo abbiamo sempre detto: i provvedimenti presi a livello di singoli territori, i provvedimenti spot, sono poco efficaci. Il dato provinciale è alto rispetto a quello della media regionale. Da qui l’estensione della zona rossa a livello di provincia. Sarà firmata un’ordinanza regionale con durata fino a domenica 7 marzo”.

“Da ormai un anno  – aggiunge – continuiamo a rispettare le regole. C’è chi preferisce puntare i riflettori su casi isolati di assembramenti e cattivi comportamenti. Io preferisco continuare a dire che c’è soprattutto una maggioranza che rispetta ogni regola, con enormi sacrifici, da un anno. Dobbiamo continuare a mettere in atto tutti i comportamenti utili per contrastare questo virus. Intanto continuano anche con i controlli che verranno intensificati nel fine settimana, come chiesto al prefetto. Oggi più che mai lo ribadisco. Per tornare a vivere – intendo dal punto di vista della salute, dell’occupazione, dell’economia, della socialità – c’è bisogno di assunzioni di personale sanitario e dell’avvio delle vaccinazioni di massa. I posti letto ci sono nella nostra area di riferimento. Mancano però infermieri, anestesisti. Manca il personale. Questo è fondamentale per tornare anche ad avere una sanità in grado di prendersi in carico tutti i casi no Covid, rimasti indietro da ormai un anno”.

Alla Regione – conclude – ho posto un altro tema, che è quello dei ristori. A questo punto il nostro territorio viene ulteriormente colpito. A queste misure restrittive devono corrispondere misure economiche adeguate.”

Con la zona rossa è prevista la didattica a distanza per superiori, seconda e terza media. Materne, elementari e prima media restano in presenza. Chiuse alcune tipologie di negozi. Gli spostamenti sono limitati anche all’interno del Comune. Ci si può spostare solo per motivi di lavoro, necessità o salute”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.