Quantcast

Assembramenti e partite di pallone, fioccano le multe ad Altopascio

Sindaco infuriato: "Chiederò più controlli contro i super ganzi dell'era Covid"

Partite di pallone e assembramenti, superlavoro per il sabato della polizia municipale e dei carabinieri di Altopascio.

A stigmatizzare la situazione il sindaco Sara D’Ambrosio: “Gente che gioca a pallone in trenta; persone assembrate in piazza. Al primo sole ecco che i soliti furboni – che non sono la maggior parte, ci tengo a sottolinearlo – se ne fregano delle regole e si comportano come se il virus non ci fosse più”.

“Ora, mi chiedo e vi chiedo – dice – ma davvero dopo tutto quello che abbiamo passato e stiamo passando, ci vuole ancora qualcuno che ci dica come ci si deve comportare? A me pare una roba incredibile e questo post l’avrei evitato volentieri, ma mi tocca farlo. Anche oggi le pattuglie della polizia municipale e dei carabinieri – che ringrazio per il loro lavoro – sono dovute intervenire per disperdere gli assembramenti e allontanare le persone che si erano ritrovate noncuranti delle regole in gruppi troppo affollati sia a Spianate sia ad Altopascio, in centro e al parco di via Valico. Cosa c’è di poco chiaro nella frase: gli assembramenti sono vietati e la mascherina è obbligatoria quando siamo in presenza di altre persone non conviventi?”.

Sono state fatte le multe, sono stati fatti i richiami – dice D’Ambrosio – gli agenti e gli operatori di polizia sono intervenuti a più riprese, ma facciamo a capirci, Altopascio è un comune di 15mila abitanti e non esistono tanti agenti quanti sono gli abitanti del nostro paese, quindi la regola è sempre la stessa: rispettare poche banali e semplici regole. Io capisco che è difficile rinunciare a stare insieme, ma è più difficile per chi è nella migliore delle ipotesi a casa o peggio ricoverato in ospedale per colpa del Covid e sarebbe davvero imperdonabile buttare via questi mesi di grande, per qualcuno enorme, difficoltà a causa dell’egoismo dei pochi, che danneggiano i tanti, anzi: tutti.”

“Mi rivolgo soprattutto a questi super ganzi dell’era Covid – conclude – dopo un anno sappiamo come ci si deve comportare. Dobbiamo evitare una nuova ondata, le province di Pistoia e Siena sono zona rossa, i contagi aumentano ovunque, ma veramente dobbiamo continuare a dirvi di mettere la mascherina? A questo proposito mi attiverò per chiedere di potenziare i controlli, perché come ho sempre detto questa battaglia la vinciamo insieme. Come comunità. Tutti uniti verso il medesimo obiettivo”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.