Quantcast

Tentano il furto all’ex ospedale di Maggiano: in manette due giovani

Intervento dei carabinieri dopo l'intrusione rilevata dalle telecamere di videosorveglianza

Tentano il furto all’ex ospedale di Maggiano, arrestati.

Due giovani lucchesi, di 21 e 22 anni, sono stati sorpresi dai carabinieri della sezione radiomobile di Lucca e ora dovranno risopondere del reato di tentato furto. I due erano all’interno dei locali dell’ex manicomio di Maggiano, dove si erano introdotti dopo aver tagliato con una cesoia una grossa catena posta a chiusura di uno degli ingressi.

La loro presenza è stata rilevata grazie alle telecamere del sistema di videosorveglianza, dal personale deputato alla vigilanza che ha prontamente chiesto l’intervento dei carabinieri. I due giovani, vestiti di nero e con il volto travisato da maschera e capellino, hanno tentato di nascondersi, prima di essere bloccati nella cosiddetta area cinema, dove non sono conservate le opere che fanno parte del Museo della follia di Vittorio Sgarbi – come inizialmente appreso – bensì soltanto pannellature in legno, teli e materiale utilizzato per l’allestimento.

Con loro avevano zaini contenenti tutto l’occorrente necessario per lo scasso e l’effrazione delle serrature. Di fronte ai carabinieri, una volta fermati, hanno riferito di essersi introdotti nell’ex manicomio solo perché attratti dal suo fascino tenebroso, senza aver intenzione di asportare nulla, ma soltanto di fare qualche fotografia. Numerosi sono stati tuttavia già in passato gli episodi di intrusione e di furto all’interno del dismesso ospedale, nel corso dei quali oltre ai gravi danni cagionati è stato asportato tutto quello che era possibile depredare.

Entrambi i giovani arrestati sono stati posti agli arresti domiciliari in attesa del processo per direttissima che si è svolto stamani. Entrambi hanno patteggiato 10 mesi di reclusione e sono stati liberati.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.